Capita spesso di ritrovarsi con qualche chilo di troppo senza riuscire a individuarne le cause: esistono infatti diverse insidiose abitudini che fanno ingrassare e di cui spesso non ci si rende nemmeno conto.

Mentre si pensa di seguire un’alimentazione corretta e di scegliere solo cibi sani e poco calorici, infatti, ci si ritrova poi a fare i conti con la bilancia scoprendo di aver preso dei chili. Da dove arrivano?

In genere proprio da quelle abitudini che sembrano assolutamente innocenti ma che in realtà rappresentano una vera e propria minaccia per la linea. Saltare i pasti, non fare colazione o abbinare gli alimenti in modo scorretto, sono alcuni dei classici tranelli “alimentari” in cui cadono molte persone quotidianamente.

Che fare allora? Essere troppo rigidi e seguire diete estremamente restrittive non sempre è necessario: delle volte basta davvero individuare le abitudini scorrette in modo da “aggiustare il tiro” tempestivamente e senza troppi sforzi.

Ecco allora quali sono le peggiori abitudini che fanno ingrassare.

  1. Saltare i pasti. Si ritiene spesso che il digiuno sia una strategia sicura per dimagrire. L’effetto boomerang è tuttavia sempre in agguato: saltando il pranzo infatti si rischia di arrivare all’ora di cena talmente affamati da non riuscire a tenere sotto controllo l’appetito e dunque anche le calorie che si assumono. Oltretutto saltare i pasti potrebbe avere anche pessime ripercussioni sul funzionamento del metabolismo.
  2. Scegliere gli snack sbagliati. A tavola si sta attenti a tutto e poi per tamponare la fame durante il giorno ci si concede un peccato di gola? Anche questo è un errore classico e che può costare caro alla linea: crackers o, ancora peggio, patatine e merendine infatti sembrano spezza-fame del tutto innocenti e invece sono alimenti ipercalorici che fanno impennare l’ago della bilancia, anche se consumati in modiche quantità.
  3. Mangiare sempre fuori casa. Anche mangiare spesso al bar o al ristorante rappresenta un’abitudine pericolosa per la linea. Anche se si pensa di scegliere solo piatti sani e genuini, nella maggior parte dei casi non si può sapere come vengono cucinati gli alimenti, spesso troppo conditi.
  4. Abbinare i carboidrati. Altro errore comune è quello di sbagliare l’abbinamento dei cibi. Nell’ambito di uno stesso pasto, per esempio, non si dovrebbero abbinare carboidrati diversi: un primo non va quindi accompagnato con il pane o anche con le patate.
  5. Evitare la colazione. Un’altra abitudine scorretta per la linea è quella di saltare la prima colazione del mattino. Il rischio infatti è quello di arrivare affamati all’ora di pranzo ma anche di rallentare pericolosamente il metabolismo.
  6. Usare il cibo come anti stress. La fame nervosa è la nemica numero uno della linea. Spesso, infatti, senza nemmeno rendersene conto si tende a mangiare per noia, per nervosismo o per trovare una consolazione. Le calorie assunte in questo modo, però, sono davvero fuori controllo e dunque molto pericolose.
  7. Esagerare con i condimenti. Attenzione anche ai classici condimenti. Consumare una semplice insalata non rappresenta una scelta light infatti se poi non si tiene sotto controllo l’uso dell’olio o delle salse per condire, spesso molto caloriche.
  8. Consumare alcolici. Un’altra minaccia per la linea sono le bevande alcoliche il cui apporto calorico è spesso sottovalutato. Un solo cocktail, per esempio, può fornire fino a 800 calorie. Per un dopo cena o un aperitivo tra amici, allora, meglio optare per il vino, da limitare comunque a un solo bicchiere considerando che in media fornisce circa 250 calorie.
  9. Fare sempre la colazione al bar. Altro errore classico è rappresentato dall’abitudine di fare colazione al bar con cornetto e cappuccino: se è vero infatti che quello che mangiamo di prima mattina ha buone possibilità di essere ben smaltito durante il giorno, la colazione del bar dovrebbe rappresentare un’eccezione alla regola. Meglio optare per un pasto sano, a base di cereali o di una fetta di pane tostato con un velo di marmellata.
  10. Vita sedentaria. Infine, se si cerca di tenere sotto controllo l’ago della bilancia, è bene non sottovalutare lo stile di vita troppo sedentario. Anche senza iscriversi in palestra o fare sport, si può comunque cercare di arginare la sedentarietà: magari scegliendo di spostarsi a piedi e senza usare mezzi oppure preferendo le scale all’ascensore.