Molto spesso si sente parlare del metabolismo e del suo essere veloce o lento, a seconda degli organismi. Partendo dal principio, il metabilismo è l’insieme dei processi biochimici che consentono l’assimilazione delle sostanze nutritive contenute all’interno dei cibi ingeriti. Averlo troppo veloce, o troppo lento, sono sintomi di problemi anche legati alla tiroide. Tuttavia, in caso di lieve alterazione, esistono alimenti che rallentano il metabolismo – e viceversa.

In una dieta sana devono essere previsti cibi che siano in grado di stimolare il metabolismo durante la giornata affinché esso smaltisca le sostanze nutritive rapidamente, senza generare eventuali scorte che diventano fonti di grasso. Pertanto, esistono degli alimenti che rallentano il metabolismo che sarebbe meglio evitare, affinché sia più scorrevole il processo digestivo.

Ecco 10 alimenti che rallentano il metabolismo e che, per quanto possano piacere ed appartenere alla sfera dei cibi golosi, sarebbe meglio evitare.

  1. Carni rosse e Salumi. Tra i primi alimenti che rallentano il metabolismo non si può non menzionare le carni rosse, i salumi e gli insaccati. Seppur siano un ottimo apporto proteico, vanno a generare uno stato di stanchezza metabolica derivante dalla loro pesantezza.
  2. Farina bianca. La farina di grano tenero industriale e tutti i derivati con questa prodotti, ha un apporto molto basso di fibre e carboidrati complessi che vengono rimossi nel corso dei processi di raffinazione. È tra gli alimenti che rallentano il metabolismo in quanto il suo effetto non tocca minimamente il metabolismo, appesantendolo senza stimolarlo.
  3. Pasta. Seppur sia in grado di saziare con maggiore facilità rispetto ad altri cibi, tra gli alimenti che rallentano il metabolismo è da annoverare anche la pasta, che non ha nessun effetto sul processo di smaltimento e, pertanto, appesantisce l’organismo.
  4. Caffè. Compagno di viaggio di ogni italiano, seppure in molti abbiano cominciato a farne a meno, questo sveglia i nervi ma non il processo digestivo. Il caffè, infatti, tra gli alimenti che rallentano il metabolismo deve essere consumato la mattina o dopo pranzo per incentivare l’organismo, ma senza esagerazione.
  5. Zuccheri Raffinati. Sebbene siano molto utilizzati, sia a livello industriale che a livello domestico, lo zucchero raffinato è tra gli alimenti che rallentano il metabolismo in quanto comportano un picco glicemico – e, di conseguenza energetico, ma non influiscono sul metabolismo, in quanto assimilati rapidamente dal sangue. Generano, dunque, solo uno stato di pesantezza.
  6. Grassi Idrogenati. Elemento aggiunto in tutte le merendine dolci confezionate, questo va a gravare sull’organismo portanto i cibi con esso prodotto veri e propri alimenti che rallentano il metabolismo. Oltre ciò, i grassi idrogenati incidono anche sulla salute gengivale e dentaria.
  7. Latte vaccino. Iper consumato in Italia, il latte di vacca è ricchissimo di grassi, molto spesso difficili da consumare da parte dell’organismo. A colazione, quindi, sarebbe preferibile optare per alimenti divertsi.
  8. Bevande zuccherate e gassate. Oltre ad incidere sulla bellezza estetica della bocca e a incidere sui processi digestivi, le bevande gassate tendono a gonfiare lo stomaco a causa dell’anidride carbonica. È possibile sostituire queste bevande con acque aromatizzate fatte in casa.
  9. Verdure in barattolo. Presenti nelle credenze di tutte le case italiane, e non solo, le verdure in scatola sono prive dei nutrienti classici che caratterizzano i prodotti in esse contenuti. Pertanto, oltre a dover preferire i prodotti freschi o secchi, i cibi in scatola sono alimenti che rallentano il metabolismo e lo appesantiscono.
  10. Alcool. Infine, non poteva mancare nella lista degli alimenti che rallentano il metabolismo l’alcool che, seppur tenda a riscaldare l’organismo, non è facilmente smaltibile e va a gravare sul fegato in maniera devastante – nel lungo periodo.