All’interno di tutte le possibili varianti di rapporti umani che si possono generare, i rapporti con la suocera sono forse tra i più complicati che esistano. Molto spesso, infatti, è difficile tenere a bada una suocera che non vuole ridimensionare la propria presenza all’interno della coppia o che ha un carattere incompatibile con quello della nuora ed entrambe non riescono a cedere neppure un centimetro in merito alla propria posizione.

Affinché il rapporto con la suocera non finisca per rovinare anche l’equilibrio tra i partner, il primo consiglio che si può dare ad una nuora è certamente quello di iniziare a mettere i paletti sin da subito, quando si inizia a capire che la mamma del proprio compagno sarà di difficile gestione. Spesso, infatti, l’invadenza della suocera è dovuta soprattutto al fatto che il proprio compagno le permette di intromettersi nella sua vita e in quella della coppia: niente di più sbagliato. Ed è sul proprio compagno che bisogna lavorare: è lui, in primis, a dover capire che il rapporto con sua madre deve necessariamente essere rivisto, se vuole vivere un armoniosa storia d’amore. Se i figli non mettono dei paletti alle mamme, la nuora rischia soltanto di finire isolata, con una suocera sempre più agguerrita, supportata da un figlio che non la tiene a bada.

Al di là di questi consigli primari, fondamentali per impostare il rapporto sin dagli albori della sua nascita, per vivere al meglio la relazione con la suocera invadente si possono seguire queste dieci dritte infallibili.

  1. Se la mamma di lui si mostra subito invadente e lo scontro con lei è sempre lì, pronto per scoppiare, è buona regola evitare qualsiasi situazione che possa in qualche modo generare litigio e malumore. Essere distaccate, non alimentare comportamenti negativi, stemperare le frecciatine o le battutacce con delle risate o con frasi ironiche sono tutti atteggiamenti che potrebbero spiazzare la suocera invadente e impicciona, facendola tornare così al proprio posto.
  2. Se la mamma del proprio compagno è molto invadente, come già anticipato in precedenza, la colpa è soprattutto da imputare al figlio, che le permette tale atteggiamento. Mettere subito le cose in chiaro con il proprio compagno significa sin da subito fargli capire che se non mette dei paletti alla madre, il rapporto con la sua donna ne risentirà.
  3. La prima impressione è quella che conta: se la suocera appare ostile e pronta a mettere i bastoni fra le ruote in ogni situazione, la cosa migliore da fare è quella di non mostrarsi altrettanto agguerrite, per non alimentare le sue cattive intenzioni. Mostrarle pazienza, accondiscendenza oppure affetto incondizionato (al di là del suo eventuale caratteraccio) potrebbe mettere la nuora in buona luce, facendola apparire come un’amica e non come una nemica da abbattere.
  4. Con la suocera è bene evitare sin da subito di mettersi in competizione e di tracciare bene i rispettivi ruoli. Lei resta sempre la mamma del proprio compagno e, sebbene non debba intromettersi nella relazione, conserverà sempre la sua importanza nella vita di lui. È per questo che alla mamma del proprio uomo (così come alla propria)  bisognerà sempre portare il dovuto rispetto e riconoscerle il dovuto ruolo, senza che per questo lei se ne approfitti e sconfini in ciò che non le è consentito fare e dire. Riconoscerle importanza permette però di non darle ulteriori motivi per avere atteggiamenti ostili.
  5. Quando si inizia una relazione con una nuova persona che arriva nella propria vita (in questo caso la suocera), bisogna avere l’intelligenza per capire di che tipo di persona si tratta e poi reagire di conseguenza. Studiare la persona, capire come reagisce e anticiparne le azioni, capire quale sia il modo migliore per dirle le cose e per evitare di arrivare allo scontro con lei sono tutte tecniche che si possono adottare quando si è costrette, in un certo qual modo, a doversi relazionare con qualcuno e a doverlo fare nel migliore dei modi possibili, onde preservare il quieto vivere.
  6. Uno dei punti di maggior scontro con le suocere arriva soprattutto quando vi sono in ballo l’educazione e la crescita dei figli. I nipotini devono poter avere un rapporto con i propri nonni ma al contempo questi ultimi non devono mettere in cattiva luce il ruolo dei genitori, apparendo più comprensivi e maggiormente permissivi, oppure facendo loro trasgredire le regole imposte da mamma e papà. Anche in questo caso occorre essere chiari sin dall’inizio con la propria suocera: la linea educativa da seguire per relazionarsi ai bambini deve essere quella imposta dai propri genitori e in questo i partner devono essere assolutamente fermi e concordi. Anche in questo caso, dunque, è bene far leva sul partner, affinché la suocera non senta il diritto di comportarsi diversamente.
  7. Esiste poi tutta una serie di frasi che non andrebbero mai dette alla suocera e che sarebbe bene evitare, se non si desidera generare malumore e attrito. Quali sono? “Se tu avessi educato meglio tuo figlio…“, “Non ho chiesto la tua opinione“, “Preferiamo andare a pranzo/cena dai miei” e via dicendo. Se non si ha un rapporto sereno e affettuoso con la suocera, meglio evitare di sminuirla e dire frasi che accenderebbero la miccia in pochi istanti.
  8. In un rapporto conta tantissimo il modo in cui ci si pone. Se la suocera critica e fa battute di cattivo gusto, si potrebbe provare a spiazzarla dandole subito un abbraccio (o un bacio) e risponderle con una frase affettuosa, per poi vedere che reazione ha.
  9. Se vengono imposte delle regole e la suocera le trasgredisce di tanto in tanto, senza cattive intenzioni, è bene non farne un dramma, soprattutto se il suo comportamento non diventa abitudinario.
  10. Infine, per avere un buon rapporto con la suocera, occorre impostare con lei e la sua famiglia un rapporto che non sia – per così dire – inferiore rispetto a quello con la propria famiglia di origine. Andare sempre a pranzo o a cena dai propri genitori e mai dai suoceri potrebbe generare conflitti, nonché mettere il partner in una situazione di difficoltà.