Il romanticismo non è qualcosa di destinato solo alla luna di miele. Per tenere salda una coppia prima, durante e dopo il matrimonio, è necessario lasciarsi andare in gesti romantici. Dare per scontato il proprio rapporto è uno dei più grandi errori che si possono commettere, per cui via libera a scenari e azioni romantiche, per poter perpetuare quella sensazione di vivere continuamente in una luna di miele, anche se si è presi dal lavoro e dalle preoccupazioni.

Un consiglio per far rivivere il romanticismo nella coppia è tenere conto delle date importanti, come compleanni o anniversari, come quello del proprio matrimonio. Con i dovuti distinguo però. Ci sono uomini che non amano le ricorrenze, non gradiscono le date, quindi niente di pomposo, ma una cena speciale, fuori o a casa, magari nel suo ristorante preferito o con il suo piatto preferito.

Anche un brindisi al momento giusto può avere la sua carica romantica. Non c’è bisogno dello champagne, basta anche una tazza di caffè: il bello della vita è che ogni giorno può essere festeggiato. Ci si può prendere del tempo per stare insieme e suggellare in maniera consona l’ennesima giornata trascorsa fianco a fianco. Anche la condivisione di traguardi importanti è fondamentale: promozioni, gravidanze e altro vanno festeggiate nel migliore dei modi.

Ci si può anche fare delle foto in dei momenti belli, come un viaggio o una gita fuori porta, da tenere in casa, in modo che nei differenti momenti della giornata si torni a rivivere la felicità di quei giorni. Da evitare come la peste la gigantografia del proprio matrimonio però: per quanto bella fa una figura assolutamente kitch.

I complimenti poi sono apprezzati da tutti, ma solo se sinceri. Si deve sempre dire al proprio partner se vi piace il suo taglio di capelli, il suo nuovo completo, o se si apprezza semplicemente come vi fa sentire. Anche le attenzioni sono ben accette, purché non maniacali: non è un figlio né un cucciolo, è il proprio compagno di vita.

Ci si può anche fare carine per il proprio lui. Certo, in tempi di femminismo diffuso, è giusto farsi belle per se stesse e non per gli altri, ma qualche volta può essere un gesto gentile pensare anche a quello che piace a lui: è un segno di affetto, non di subordinazione, ma solo se avviene di tanto in tanto, anche perché ci si può fare il callo anche alla bellezza.

Altrettanto importante è trascorrere più tempo con lui. Sì, si è prese da mille questioni ogni giorno, ma non si può trascurare la persona che si ha accanto e che ha giurato di restare accanto per tutta la vita. E che ha bisogno, di tanto in tanto, di sapere che si tiene a lui: ma bisogna fare attenzione, anche i “ti amo” perdono di significato se li si ripete troppo spesso.

Fonte: MyDearValentine.