I trucchi per sopravvivere al caldo in casa senza condizionatore diventano fondamentali quando il clima è costantemente torrido come in questo periodo.

Dopo aver preso in considerazione una serie di soluzioni che riguardano l’abbigliamento estivo, che deve essere leggero, mai aderente e fatto di materiali naturali come cotone e lino, ed essersi rivolte ai migliori rimedi naturali per le gambe gonfie in estate e contro il sudore, problemi fisici inevitabili con il caldo, è importante anche fare qualcosa per la percezione del calore, per la sensazione di afa e pesantezza che purtroppo sembra non abbandonare le nostre città e le nostre case neppure di notte.

Chi non può o non vuole ricorrere al condizionatore, opta di solito per il ventilatore, un’ottima soluzione disponibile in numerose varianti per tutte le tasche, che però nei giorni di massima calura sembra non essere mai sufficiente, specialmente nelle torride notti estive che, invece di portare un po’ di refrigerio, trasformano il letto in una piastra bollente.

Vediamo, allora, 10 trucchi per sopravvivere al caldo in casa senza condizionatore da mettere subito in pratica di giorno e di notte.

  1. Ventilatore e ghiaccio. Forse avrete visto questa soluzione in qualche vecchio film o telefilm americano: si tratta di prendere un contenitore basso e largo, meglio se in metallo, vetro o porcellana, riempirlo di cubetti di ghiaccio e metterlo davanti alle pale del ventilatore acceso: l’aria sarà subito più fresca.
  2. Panetti ghiacciati. Che lo chiamiate siberino, ghiaccino, polaretto, panetto del ghiaccio o mattonella di ghiaccio, il panetto blu che grazie al liquido refrigerante rilascia il freddo dopo essere stato nel congelatore è utile per raffreddare i punti dove passano le vene principali che trasmetteranno il refrigerio a tutto il corpo: collo, polsi, caviglie, inguine, dietro alle ginocchia. Prima di posarlo sulla pelle, però, avvolgetelo con un panno o un fazzoletto.
  3. Piedi a bagno. I piedi a bagno nell’acqua fredda fino alle caviglie, per lo stesso principio, aiutano ad abbassare la temperatura corporea in tutto il corpo.
  4. Occhio alle lampadine. Sebbene le vecchie lampadine a incandescenza, molto calde, siano ormai fuori legge e mercato, anche le nuove rilasciano un po’ di calore. In momenti di caldo intenso meglio spegnere sia le lampadine che gli apparecchi elettronici, che generano calore anche in stand-by.
  5. Panno bagnato alla finestra. Se dalla finestra arriva un po’ di vento o corrente, ma è caldo, potete rinfrescare l’aria appendendo alla finestra un panno bagnato, che raffredderà il vento prima che entri in casa.
  6. Spray rinfrescante. Uno spray rinfrescante può essere utile sia di giorno che di notte. Realizzatelo grazie a uno “spruzzino” vuoto con sola acqua oppure con un’infusione di acqua, menta e basilico.
  7. Idratarsi. Non aspettate di avere sete per bere, ma bevete costantemente acqua fresca per restare idratati ed abbassare la temperatura del corpo, anche prima di andare a letto.
  8. Doccia prima di dormire. Una doccia fredda o fresca, prima di dormire, lava via il sudore e il senso di “appiccicaticcio”, e inoltre abbassa la temperatura del corpo, rilassa e permette di andare a letto più sereni.
  9. Lenzuola di cotone egiziano. Il materiale di cui sono fatte le lenzuola è fondamentale per una notte calda: optate per il fresco e leggero cotone egiziano, che non darà una sensazione di pesantezza alla pelle.
  10. Materasso per terra. Se dormite su un soppalco, può essere utile posizionare nelle notti più torride il materasso a terra: il calore, infatti, tende a salire, mentre l’aria più fresca resta in basso.