Siamo tutti in attesa di stappare una bottiglia il prossimo 22 aprile, per brindare ai 101 anni di Rita Levi Montalcini, la donna simbolo della modernità della ricerca.

Non basterebbe un libro per raccontare la storia di una giovane torinese che si è ribellata a una visione maschilista paterna, che l’aveva costretta, insieme alla sorella gemella, a frequentare un liceo femminile, rinunciando agli studi universitari, per potersi in futuro dedicare ai suoi doveri di moglie e madre.

Ma il suo talento, che ha ereditato il genio matematico del padre e quello artistico della madre, aveva bisogno di esplodere in tutta la sua grandezza, e così una giovane Rita ventenne in soli 8 mesi aveva già recuperato tutte le sue lacune in greco, latino e matematica, per diplomarsi e frequentare la facoltà di medicina, completata con il massimo dei voti.

Da allora la sua passione per la ricerca, in particolare sul sistema nervoso, è diventata una cosa sola con la sua vita, nonostante le molte difficoltà, come l’obbligo impostole dalle leggi razziali, in quanto ebrea, di interrompere la sua carriera accademica.

Ma lei stessa ha dichiarato, in un’intervista a Paolo Giordano:

Le leggi razziali si sono rivelate la mia fortuna, perché mi hanno obbligata a costruirmi un laboratorio in camera da letto, da dove ho cominciato le ricerche che mi hanno portato alla scoperta dell’NGF.

Proprio per la scoperta e l’individuazione degli NGF (Nerve Growth Factor), i fattori di crescita cellulare, Rita Levi Montalcini è stata insignita del Premio Nobel per la Medicina nel 1986.

Nobel, senatrice a vita, scienziata, presidente dell’Istituto dell’Enciclopedia italiana, laurea honoris causa in medicina veterinaria, creatrice della fondazione omonima per la crescita delle donne nei paesi più bisognosi: Rita Levi Montalcini ci riempie di orgoglio tutto italiano e, perché no, tutto al femminile.

A lei è dedicato un originale omaggio della rete: Rita101, una diretta, in questo caso a “rete” unificata, che andrà online giovedì 22 aprile dalle ore 21 sulle micro Web TV italiane, sulle Web TV e Web radio universitarie, sui micro media iperlocali e sui blog e videoblog. L’iniziativa è ideata e coordinata da Altratv.tv e Ipazia Promos con Wired, Current, Nòva24 e Rainews24, e hanno già aderito oltre 150 piattaforme.

Attraverso questo sito si darà spazio a tutte le Rita del mondo che, giorno dopo giorno, dedicano la loro vita alla ricerca e alla conoscenza, nonostante la situazione economica difficile in cui si trovano a operare. Per una grande donna che ancora oggi si batte con lucidità perché non vengano tagliati i fondi alla ricerca, l’impegno a non mollare mai è sicuramente il più bel regalo di compleanno.