I disturbi di cui la donna può soffrire in gravidanza sono tutti dovuti al fatto che il corpo femminile subisce una serie di modifiche e di trasformazioni rilevanti nel corso della gestazione. Tutto assolutamente normale e affrontabile con serenità, se non si verifica nulla di anomalo da segnalare al medico.

I disturbi più comuni che possono verificarsi in gravidanza possono essere legati anche al periodo in cui si trova la gestazione. I primi tre mesi di gravidanza possono infatti portare ad alcuni tipi di disturbi mentre i mesi successivi e quelli finali possono portarne altri. La nausea mattutina, ad esempio, è tipica soprattutto delle prime fasi mentre il mal di schiena può presentarsi quando la pancia inizia a diventare piuttosto grande e la colonna vertebrale deve sopportare un peso maggiore. I disturbi in gravidanza possono infine avere anche una connotazione psicologica e non solo fisica perché un corpo che cambia e gli sbalzi ormonali possono comportare ripercussioni anche a livello psichico.

I disturbi in gravidanza – in una gravidanza normale – sono piuttosto tipici e sono tutti affrontabili grazie ad alcuni rimedi. Vediamo quali sono i disturbi più comuni in gravidanza.

  1. Nausea e vomito. Durano generalmente fino alla 12a-16a settimana ma che possono presentarsi anche nell’ultima fase della gestazione.
  2. Bruciore di stomaco. Causato dal reflusso del contenuto gastrico, è provocato dalla diminuita mobilità gastrica dovuta all’azione miorilassante del progesterone e dei movimenti peristaltici gastrici che si modificano in gravidanza.
  3. Ipersalivazione e difficoltà a deglutire. Si tratta di due fastidi strettamente collegati alla nausea e al vomito e che scompaiono e si attenuano con lo scomparire e l’attenuarsi di nausea e vomito.
  4. Minzione frequente. Le donne in stato di gravidanza tendono a sentire più frequentemente lo stimolo di urinare. Ciò è dovuto al fatto che la gestazione provoca una “compressione” della vescica mano a mano che l’utero si espande perché il bimbo cresce.
  5. Mal di schiena. Come già anticipato, è un problema dovuto soprattutto all’aumento di peso e dal fatto che la colonna vertebrale deve sostenere il pancione che cresce.
  6. Gonfiore. Causato dalla ritenzione idrica che può comportare il problema a gambe, caviglie, piedi, mani e viso.
  7. Stitichezza. In gravidanza è causata dall’aumentata produzione di progesterone, che rallenta la muscolatura intestinale e quindi anche il trasporto e l’espulsione del materiale fecale.
  8. Emorroidi. Un problema legato alla stitichezza, perché ci si sforza maggiormente per l’espulsione del materiale fecale.
  9. Smagliature. Si tratta di un problema estetico, causato dal fatto che la cute si dilata e si tende. Compaiono soprattutto su seno, pancia e cosce.
  10. Vene varicose. Altro disturbo estetico ma anche fisico, dovuto al fatto che la parete venosa cede, a causa dell’assottigliamento o dell’allungamento della parete venosa stessa.
  11. Voglie. Pur essendo un disturbo comune in gravidanza, si tratta di un aspetto piuttosto soggettivo, che può essere influenzato molto anche dall’ambiente socio-culturale in cui si vive. La donna crede di avere voglia di mangiare alcuni cibi in particolare ma soprattutto avvertirebbe la voglia incredibile di soddisfare questo suo desiderio.
  12. Alterazione del gusto. Si tratta di un piccolo disturbo che può presentarsi a causa dei mutamenti metabolici che comporta la gestazione.
  13. Gengivite e sanguinamento dei denti. Si tratta di disturbi dovuti al fatto che a causa della stimolazione ormonale, le gengive si edemizzano, si gonfiano leggermente e tendono a staccarsi dalla corona dentale, sanguinando così con maggiore facilità.
  14. Crampi agli arti inferiori. La loro maggiore incidenza in fase di gestazione inizia a verificarsi negli ultimi mesi, a causa della compressione dell’utero sui nervi delle gambe.
  15. Senso di stanchezza. Si tratta di un disturbo legato molto alla prima fase della gravidanza, quando si subiscono i cambiamenti ormonali più importanti.