Il film “20 sigarette“, di Aureliano Amadei, ha vinto il riconoscimento Controcampo Italiano, riservato alla produzione del nostro cinema, alla 67esima Mostra del Cinema di Venezia.

La pellicola racconta la strage di Nassirya dal punto di vista di chi, Amadei appunto, quell’attentato l’ha vissuto da vicino in tutta la sua crudeltà. Il regista infatti, trovandosi in quei luoghi in qualità di assistente di Stefano Rolla per girare un film sull’Iraq, è infatti l’unico superstite civile di quella strage che nel 2003 ha scosso e segnato l’Italia.

Nel cast di “20 sigarette” compaiono numerosi attori italiani, tra i protagonisti figurano i nomi di Carolina Crescentini, Vinicio Marchionni, Orsetta De Rossi e Alberto Basaluzzo. Il film è stato apprezzato sin dalla prima proiezione, quando i presenti in sala hanno salutato il lavoro di Aureliano Amadei con una standing ovation di 10 minuti.

A colpire è chiaramente il tema, ancora molto attuale nonostante siano passati già alcuni anni, ma c’è da dire che l’opera del regista italiano ha il merito indiscusso di raccontare quei tragici fatti portando lo spettatore ad una forte immedesimazione, un aspetto che risulta quindi essere l’anima trainante del film.