Ci si giura amore eterno e si parte con l’intenzione di passare la vita insieme eppure spesso le cose vanno diversamente: ma qual è allora il segreto per costruire un matrimonio felice?

Se lo chiedono in tanti e c’è persino chi ha cercato di dare una risposta scientifica a questo emblematico interrogativo: è il caso di Tara Parker-Pope, giornalista del New York Times e autrice, qualche anno fa, del libro dall’eloquente titolo “For better: the science of a good marriage”, in cui cercava di fornire una risposta scientifica alla fine del suo matrimonio, ricercandone le cause. Esiste davvero quindi la ricetta per un matrimonio felice? Forse no, ma certo potrà essere utile puntare su alcuni “ingredienti”.

Ecco allora 5 consigli utili per un matrimonio all’insegna della felicità.

  1. Parlarsi. Sembrerà scontato ma con il passare del tempo ci si renderà conto che non lo è poi così tanto. Mantenere aperta e viva la comunicazione è il modo migliore per costruire un matrimonio felice perché permette ai coniugi un confronto costante e anche la possibilità di tirar fuori quello che non va.
  2. Condividere attività di coppia. Per un matrimonio felice non è necessario vivere in simbiosi e fare tutto insieme ma certo può essere importante condividere il piacere di determinate attività. Cucinare insieme, frequentare un corso, praticare sport possono essere strumenti efficaci per rafforzare la stabilità di coppia e per sentirsi sempre affiatati.
  3. Uno spazio per sé. Allo stesso tempo può essere utile coltivare un proprio spazio autonomo e separato. Una serata con le amiche, un hobby personale o un giro di shopping tutto per sé sono semplici cose che però aiutano a preservare la propria autonomia e la propria personalità evitando il rischio di “fondersi” con l’altro fino a perdere di vista i propri obiettivi.
  4. Imparare l’arte del compromesso. Forse è l’aspetto più difficile all’interno di un rapporto di matrimonio eppure è di vitale importanza. Scendere a compromessi significa imparare ad accettare anche i lati del partner che proprio non capiamo e non condividiamo, significa saper mettere talvolta da parte le proprie esigenze per cercare di assecondare i bisogni dell’altro, in un gioco di equilibri a tratti faticoso ma in fondo necessario.
  5. Ritagliarsi dei momenti per la coppia. Infine, mai rinunciare a regalarsi momenti romantici come si faceva da fidanzati. Anche se ci sono bambini e anche se la routine quotidiana non sembra permetterlo, è bene cercare di fare uno sforzo per ritagliarsi, anche solo saltuariamente, dei momenti per ritrovarsi, ri-innamorarsi e tenere vivo l’amore alimentando la passione dei primi tempi.