Capita a molte coppie di desiderare un figlio che non arriva subito: rimanere incinta, infatti, non è sempre così facile come si crede e per favorire il concepimento, allora, può essere utile seguire qualche semplice regola.

Prima di tutto è bene considerare che, anche nel caso in cui l’uomo e la donna in questione godano di ottima salute, le possibilità di concepimento sono solo del 25% per ogni ciclo. Un dato che da sé basta a spiegare perché può capitare che non si riesca a rimanere incinte ai primi tentativi.

Se, dunque, voi e il vostro partner state dando la caccia alla cicogna per allargare la famiglia, ecco qualche dritta utile per fare centro e favorire il concepimento con metodi naturali, senza ricorrere a soluzioni estreme che spesso si rivelano non necessarie o all’aiuto di un medico, che può comunque essere consultato se la gravidanza, dopo aver seguito i consigli, ancora non si instaura.

  1. Stile di vita sano. La prima cosa da fare è cominciare a seguire uno stile di vita quanto più possibile salutare. In modo particolare può essere determinante smettere di fumare: la nicotina infatti abbassa i livelli degli estrogeni, diminuendo così sensibilmente la possibilità di concepimento. 
  2. Alimentazione equilibrata. Un’altra regola fondamentale è quella di tenere sotto controllo l’ago della bilancia. L’ideale è cercare di mantenere il proprio peso forma: eventuali variazioni, infatti, possono incidere sull’apparato riproduttivo e rendere difficoltoso il concepimento.
  3. Niente stress. Una cosa risaputa è che lo stress impedisce il concepimento, tuttavia spesso si tende a sottovalutare questo aspetto: molte volte il desiderio di avere un bambino può trasformarsi in una ricerca ossessiva e stressante. Niente di più sbagliato: lo stress è infatti il primo nemico del concepimento. Bene allora cercare di vivere serenamente la relazione di coppia e di godersi i momenti di intimità senza trasformarli in un’estenuante caccia alla cicogna.
  4. Quali posizioni. Benché non ci siano studi scientifici che dimostrino l’efficacia di una posizione rispetto a un’altra per favorire il concepimento, si ritiene che alcune siano da evitare. In piedi, per esempio, o con la donna sopra e l’uomo sotto: in questo caso infatti gli spermatozoi avrebbero meno chance di depositarsi sul collo dell’utero e raggiungere l’ovulo da fecondare.
  5. I giorni ok. Infine è bene conoscere il proprio corpo e il proprio ciclo mestruale in modo da individuare facilmente i giorni fertili, ovvero quelli in cui è possibile rimanere incinta. Come fare? Il calcolo è semplice: alla lunghezza del proprio ciclo mestruale vanno sottratti 14 giorni. Significa quindi che in un ciclo di 28 giorni, il momento più fertile si verificherà intorno al quattordicesimo giorno. Naturalmente non bisogna dimenticare che il momento propizio non è da circoscrivere a quella sola giornata ma anche ai 3/4 giorni precedenti.