Dimagrire è il chiodo fisso di molte donne, che vivono male la presenza di qualche chilo di troppo: ecco allora un vorticoso susseguirsi di diete dimagranti, che però poco o nulla sortiscono realmente, producendo invece un senso di frustrazione. La chiave per raggiungere concretamente l’obiettivo del peso forma sta nell’attuare alcuni piccoli cambiamenti nel proprio stile di vita: in questo modo si perderanno i chili di troppo senza eccessive rinunce né opprimenti sacrifici.

Per dimagrire sono utili, in particolare, cinque piccoli cambiamenti da introdurre nelle proprie giornate. Eccoli uno per uno.

Il primo cambiamento consiste nell’imparare a delegare: solitamente le persone che accumulano peso in eccesso tendono a sovraccaricarsi di impegni, ritenendo più o meno consapevolmente di essere un sostegno irrinunciabile per i colleghi di lavoro o per i componenti della propria famiglia; così facendo, si sperperano troppe energie anche emotive, e il rischio di strafogarsi con snack vari per provare un momentaneo sollievo è molto presente.

Per dimagrire, gli esperti sottolineano come sia utile delegare gli altri, in modo da affrontare le giornate senza quel senso di pesantezza emotivo che rovina la dieta dimagrante: imparando a pensare al proprio ruolo come necessario ma non insostituibile, si inizierà a vivere il cibo come un mezzo di sostentamento e non come un rifugio. Il secondo cambiamento da introdurre nelle proprie giornate è correlato al primo e consiste nel concedersi il giusto tempo per mangiare: i pasti divorati in fretta e furia sono il miglior modo per ingurgitare quantità eccessive di cibo senza, paradossalmente, sentirsi mai realmente sazi.

Secondo gli psicologi, infatti, c’è tutto un rituale da osservare per il proprio nutrimento: trovare il tempo per apparecchiare la tavola e cucinare con calma è davvero utile per evitare di strafogarsi e quindi di ingrassare. Terzo cambiamento: imparare a mangiare con tutti i sensi: perché il cervello registri un senso di sazietà occorre stimolare non solo il gusto ma anche la vista e l’olfatto. Ammirare le pietanze con i relativi colori e annusare ogni singolo ingrediente serve per stimolare il giusto senso di appagamento: in questo modo non si avvertirà l’impellente bisogno di fare il bis.

Quarto cambiamento: imparare a nutrirsi di silenzio. Parecchie persone, una volta sole, cercano di riempire il silenzio in ogni modo, per esempio tenendo la televisione o la radio sempre accese, oppure telefonando di continuo agli amici. Nulla di più sbagliato, perché questo indica un senso di vuoto che fatalmente verrà riempito prima con i suoni e poi con il cibo in eccesso. Invece concedersi del tempo solo per sé, da trascorrere in silenzio, aiuterà a non eccedere a tavola.

Ecco infine il quinto cambiamento, che consiste nel bere un bel bicchiere d’acqua quando ci si sente assaliti da una voracità che potrebbe spingere a mangiare qualunque cosa capiti a tiro in quel momento. L’acqua contribuirà a placare la fame, così si potrà poi mangiare in modo equilibrato. In conclusione, la chiave per dimagrire stabilmente consiste nel ricostituire un collegamento profondo con la propria interiorità.

Fonte: Healthy Women.