I Beatles compiono 50 anni. Era il 5 ottobre 1962 quando uscì il loro primo singolo, Love Me Do. Fu solo l’inizio e il mondo progressivamente si innamorò dei Fab Four. John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr rappresentarono il più grande fenomeno musicale mondiale dopo Elvis Presley. Fan svenevoli si strappavano i capelli al loro arrivo e loro furono consacrati come icona rock. Ma non furono solo immagine, ancora oggi ascoltarli rappresenta una grandissima emozione.

Galleria di immagini: Beatles

Rock, non beat, non musica leggera: l’espressione “rock” senza roll fu infatti coniata a seguito di uno dei loro album migliori, Sgt. Pepper’s Lonely Heart Club Band, un disco sperimentale in cui i Beatles esploravano differenti sonorità e uno in particolare, Harrison, risentiva degli influssi del suo viaggio in India.

L’esperienza dei Beatles durò solo 8 anni, nel 1970 infatti il quartetto si sciolse, anche a causa di alcuni contrasti all’interno del gruppo, sorti quando Lennon incontrò e si innamorò dell’artista giapponese Yoko Ono. I quattro intrapresero delle carriere soliste con maggiore o minore successo e due di loro morirono, Lennon per mano di un folle nel 1980 e Harrison per un cancro al cervello nel 2001.

La musica dei Beatles rivoluzionò completamente quella che era in precedenza l’idea di musica per le masse. Non va dimenticato il merito di uno di quelli che fu definito il quinto Beatles, per aver collaborato col gruppo negli ultimi anni della loro carriera comune, ossia Billy Preston, che già si può intravedere nel filmato sul rooftop del 1969.

I Beatles non si esibivano pubblicamente dal 1966, alimentando così la leggenda della morte e della sostituzione di Paul McCartney, in realtà una beffa inventata dal genio di Lennon, che ancora oggi fa emergere una quantità di prove e teorie molto fantasiose e affascinanti, attestandosi come la più grande teoria del complotto della storia della musica.

Fonte: Repubblica.