Era il 5 ottobre del 1961 quando uscì in tutte le sale cinematografiche americane il film cult diretto da Blake Edwards, che consacrò Audrey Hepburn come icona intramontabile di stile ed eleganza mondiale: “Colazione da Tiffany“, tratto dal romanzo edito del 1958 del famosissimo e controverso genio Truman Capote, con l’indimenticabile colonna sonora di Henry Mancini e Johnny Mercer che, con “Moon River”, vinse l’Oscar per la migliore canzone.

Galleria di immagini: Colazione da Tiffany

La storia ambientata a New York racconta di una bellissima ragazza di provincia alla ricerca del successo, Holly Golightly, graziosa prostituta ingenua e sofisticata, che sogna di sposare un miliardario: nello stesso palazzo in cui abita c’è Paul, uno scrittore giovane e squattrinato, interpretato dal bellissimo George Peppard, che si innamora all’istante di lei.

Il sogno di Holly è entrare nella leggendaria gioielleria Tiffany a fare shopping di diamanti sfavillanti e ogni mattina non manca mai di fare colazione ammirando le vetrine preziose da fuori. Svanita l’opportunità di convolare a nozze con un messicano miliardario, Holly capisce che Paul la ama davvero e anche lei inizia a innamorarsi.

Il film è un excursus dei capi di moda più eleganti del tempo, abiti destinati a rimanere nell’immaginario come ideali di stile: come il celebre tubino senza maniche, il maxi cappello da diva, il foulard bianco sul décolleté, il trench della scena finale, tutte creazioni di Hubert de Givenchy e firmati da Edith Head. Anche gli accessori del film rimarranno indimenticabili: come gli occhiali da gatta e la collana di perle, che diventerà il simbolo del film.

Per celebrare i cinquant’anni di “Colazione da Tiffany”, sono state organizzate molte iniziative in tutto il mondo a partire dalla versione integralmente restaurata in digitale promossa dall’Academy of Motion Pictures Arts che verrà presentata in Blu-Ray al Samuel Golden Theater di Beverly Hills. La Integrity Toys, azienda americana produttrice di giocattoli, dedicherà al ricordo di questo capolavoro, una serie di bambole prestigiose in edizione limitata vestite come Audrey Hepburn nel film.

Anche l’Italia, paese molto amato da Audrey Hepburn, prenderà parte all’iniziativa durante il Festival del Cinema di Roma, dal 27 ottobre al 4 novembre 2011, ospitando una retrospettiva intitolata “Audrey a Roma”, interamente dedicata alla grande attrice durante la quale verrà proiettata anche la pellicola restaurata di “Colazione da Tiffany”.

Excite ricorda che, in un’intervista a La Stampa, Sean Ferrer il figlio dell’attrice ha rilasciato una dichiarazione sull’importanza di questo film per la madre:

“Sapeva che si trattava dell’ultimo capitolo di una carriera vissuta in un certo modo. Dopo qualche anno io non sarei più potuto andare sul set e lei si sarebbe dedicata al suo ruolo di madre a tempo pieno. Per lei quel film è stato come guardare un tramonto. Bellissimo.”