Chi non vorrebbe arredare casa come un professionista? Infatti tutti quelli che si trova a ristrutturare il proprio appartamento, ad affittarne o acquistarne uno nuovo o anche solo a pensare a come rinnovare l’arredamento, amano informarsi attraverso riviste di settori e libri di design sulle soluzioni più belle e sulle tendenze arredo, quelle che fanno apparire la casa proprio come se fosse stata arredata da un professionista.

Non tutti però hanno un budget abbastanza alto per acquistare i mobili, pagare la manodopera per pitturare e mettere a norma gli impianti e poter assumere anche un professionista dell’arredo. Il lavoro di architetti, designer e arredatori è ovviamente frutto di anni di studi ed esperienze, ma è possibile “rubare” ai professionisti dei piccoli segreti, delle dritte per arredare casa con stile, proprio come farebbero loro.

Si tratta di consigli che non fanno lievitare le spese, ma che consentono di creare un’atmosfera da rivista d’arredamento, dettagli da curare cui normalmente non si penserebbe ma che sono in grado di fare la differenza.

Vediamo, allora, 7 dritte per arredare casa come un professionista e come applicarle al proprio appartamento.

  1. Curare il colore delle pareti. Si fa presto a dire bianco: il colore delle pareti, in una casa arredata da un professionista, non è mai lasciato al caso. Il classico abbagliante bianco infatti può andar bene per una casa ultra contemporanea, ma per altri stili possono essere necessari altri colori, come l’avorio, il tortora, il crema, il rosso mattone.
  2. Rendere il bagno come quello di un hotel. I bagni degli hotel migliori sono esempi di stile, di pulizia, di linee semplici, colori neutri e accoglienza. Prendete esempio da questi spazi per il vostro bagno, limitando al massimo i prodotti sparsi in giro (utilizzando delle belle scatole per tenerli in ordine), mettendo un cestino con asciugamani candidi per gli ospiti e una bella piantina su una mensola.
  3. Aggiungere un salottino in camera da letto. Se avete abbastanza spazio mettete un divanetto imbottito o una sedia e un tavolino in un angolo della camera da letto. Darà l’impressione che la stanza sia più grande e sofisticata.
  4. Dedicare tempo al tavolino da salotto. Il tavolo da caffè o tavolino da salotto è la cartina tornasole dello stile della casa. Quello che metterete sul suo ripiano va progettato con cura: iniziate con qualcosa di grande al centro, come un vaso di fiori o una ciotola piena di qualcosa di particolare, come frutta essiccata. Poi costruite quello che c’è intorno, mettete qualche libro d’arte, candele, una scultura o una ceramica. Rendetelo così interessante e cambiate regolarmente la decorazione.
  5. Attenzione all’illuminazione. L’illuminazione è alla base di gran parte dell’atmosfera anche nelle case di design. Posizionate luci a diverse altezze, lampade da tavolo e a piantana, appendete lampade più basse su tavoli, piani di lavoro e scrivanie e dove può servire più luce. Da non dimenticare l’opzione delle applique, perfetta per i punti come la camera da letto dove basta una luce diffusa.
  6. Aggiungere tocchi di calore e vivacità. Con un’orchidea bianca in camera da letto si aggiunge freschezza, con una coperta in lana sul divano e tanti cuscini del calore al salotto, in studio un libro di fotografia aperto e pronto per essere sfogliato regala vivacità. Provate la soluzione più adatta a voi.
  7. La prima impressione è quella che conta. Per gli ospiti è, ovviamente, la prima impressione è quella che conta: statisticamente bastano otto secondi davanti alla porta per avere una risposta emotiva favorevole o sfavorevole verso la casa che si sta per visitare. Dipingete la porta di un colore inatteso, curate campanello, zerbino, portaombrelli e poi passate a curare l’ingresso dell’interno della casa.