Se avete voglia di festeggiare in modo originale e culturale la Festa della donna, moltissimi musei, siti archeologici, scavi antichi, ville e biblioteche resteranno aperti in tutta Italia con ingresso gratuito per tutte le donne.

Sono tante le mete d’arte italiane da poter visitare l’8 marzo, grazie all’iniziativa del Ministero dei Beni Culturali “Cosa sarebbe l’arte senza le donne?“.

Galleria di immagini: Mete d'arte festa della donna

Solo per citare alcuni luoghi d’arte statali, nella maggior parte dei quali saranno organizzate visite guidate ed eventi a tema, in Campania, a Salerno, potreste recarvi al Museo Virtuale della Scuola Medica Salernitana, in Via Mercanti n° 74.

Il museo virtuale è realizzato nell’ex chiesa di San Gregorio ed è in grado di ricreare la storia, i protagonisti, i testi della Scuola Medica Salernitana avvalendosi delle più moderne tecnologie informatiche. Il percorso espositivo, attraverso installazioni interattive, segue linee tematiche sostenute da miniature animate e spettacolarizzazioni.

Poco distante è possibile visitare anche il Museo e l’area archeologica di Paestum, dove si respira il profumo di antico: è sempre emozionante trovarsi davanti agli scavi e ai templi della città di Paestum, ancora oggi cinta dalle mura greche del 500 a.C.

Per restare ancora in Campania, una meta da visitare certamente è la Certosa di San Lorenzo a Padula: un antico convento dei Certosini immerso in un bellissimo giardino. L’edificio è sorto nel secolo XIV per volere dei Sanseverino di Marsico Nuovo, questo esempio di architetture rinascimentale è stato restaurato dalla Sovrintendenza di Salerno ed è ancora oggi un monumento nazionale bellissimo, oggi sede di mostre di arte contemporanea. Le celle dei monaci sono dotate ognuna di un proprio giardino, da ammirare e fotografare. Affascinante la sala del refettorio, così come la biblioteca con uno splendido pavimento maiolicato.

Risalendo l’Italia, come non fermarsi a Roma? Per l’8 marzo si può visitare gratuitamente l’Anfiteatro Flavio. Il Colosseo fu inaugurato nell’80 d. C. dall’imperatore Tito. Alto 52 metri, conteneva complessivamente all’epoca 70.000 posti, conquistandosi la fama della più imponente arena esistente all’epoca. Luogo di gare e crudeli combattimenti tra gladiatori, il Colosseo è tuttora uno dei monumenti più amati dagli italiani e sicuramente un simbolo di antichità e forza in tutto il mondo.

Una meta classica del turismo a Roma è senz’altro Castel Sant’Angelo, generalmente visitabile solo dall’esterno. Per l’8 marzo il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo apre le sue porte ai visitatori regalando la possibilità di ammirare il Mausoleo dell’Imperatore Adriano, nato come sepolcro imperiale e poi trasformato in fortezza, quindi in residenza papale, poi in prigione ed infine nell’attuale museo.

Per chi ama il mare, a Fiumicino è possibile visitare l’area archeologica del Porto di Traiano. Il porto di Fiumicino fin dall’epoca traianea costituiva il fulcro del principale sistema portuale del Mediterraneo. Nell’area archeologica ci sono oggi magazzini, moli, edifici termali e canali di collegamento, in una cornice naturale suggestiva.