”Orto dei fanciulli” è una bellissima iniziativa della Regione Lombardia. Un progetto di alto valore sociale ed educativo, mirato a creare un giardino nel quale bambini e ragazzi che vivono condizioni di disagio possono coltivare quello che a loro piace di più.

È il primo ”Orto dei fanciulli” realizzato in Viale Rimembranze a Milano. Un sostegno concreto e un’opportunità per i giovani disagiati, oltre che un’esperienza dagli stimoli altamente positivi. Coinvolgere i ragazzi in attività legate alla natura è un’esperienza importante e molto coinvolgente, utilissima per la loro crescita e il loro reinserimento sociale.

Seguendo da vicino, e ogni giorno, tutte le fasi del ciclo vitale di una piantina, i ragazzi si avvicinano un modo concreto alla coltivazione di piante, fiori, ortaggi oltre che ad altre attività pratiche legate al tema. E vivono una vita migliore, più creativa. Una vera esperienza di apprendimento e di apertura al mondo che li circonda e soprattutto al mondo che è alla base della nostra sopravvivenza.

L’Orto dei fanciulli è nato da una collaborazione dell’UVI (Unione volontari per l’infanzia e l’adolescenza) con i Martinitt, che hanno messo a disposizione il giardino di una loro comunità e l’alloggio in cui vengono ospitati bambini che sono temporaneamente allontanati dalle loro famiglie per motivi vari.

Alla realizzazione del progetto collaborano e offrono la loro supervisione l’architetto Andreas Kipar e i Fratelli Ingegnoli. E comunque, il progetto ha una valenza non solo sociale ma anche terapeutica, alla pari con le esperienze di ortoterapia. Non va dimenticato, inoltre, che è strettamente collegato con Expo 2015 e che offre a tutti l’occasione di promuovere il verde della Lombardia come luogo di fruizione, di cura e socializzazione.