Un evento che vuol dimostrare come è possibile rispettare l’ambiente senza compromettere la funzionalità e l’estetica dell’edificio.

La mostra espositiva ”Abitare il presente” per preservare il futuro, che sarà allestita a MADE expo a Fiera Milano Rho dal 17 al 20 ottobre, si pone l’obiettivo di dimostrare che è possibile progettare e costruire abitazioni belle e nello stesso tempo sostenibili: è, infatti, questo il filo conduttore dell’evento.

Sono le nuove sfide della sostenibilità e l’evento sarà l’occasione per dimostrare i vantaggi che ne derivano a chi vuole affrontare la nuova frontiera dell’architettura green, in grado di realizzare edifici belli da vedere e da vivere, all’insegna dell’innovazione. Saranno, infatti, presentati quattro modelli in scala 1:1, realizzati dalle migliori firme dell’architettura e del design: Aldo Cibic, Massimo Mandarini, Marco Piva, Luca Scacchetti

Su un’area di 1.400 metri quadrati, My Exhibition porta a MADE expo vere e proprie strutture prefabbricate suddivise in tre abitazioni e un asilo, oltre a una sala convegni e una zona lounge con bio-bar. Le strutture presentate saranno realizzate con sistemi, materiali, arredi, tecnologie e sistemi energetici rinnovabili e completamente sostenibili e con criteri di funzionalità, di efficienza e i canoni estetici tipici della progettualità made-in-Italy “green”.

La struttura presentata da Cibicworkshop con Aldo Cibic e Tommaso Corà sarà di canapa. Il progetto “Coltivare una casa” nasce infatti da una riflessione sui sistemi e sui materiali di costruzione a basso impatto ecologico come, ad esempio, la canapa trattata con la calce, per creare abitazioni innovative e nello stesso tempo rispondere alle aggiornate richieste di performance energetiche e ambientali.

Viene proposto anche un nuovo modello di vivere lo spazio e il tempo in luoghi green e social con “Green Kinder House”, l’asilo sostenibile sviluppato da Massimo Mandarini per Marchingenio. “Green Kinder House” è un micro ambiente modulare, energeticamente autosufficiente e sviluppato su una piastra antisismica a due livelli, uno dedicato all’architettura educativa per educare alla sostenibilità e il secondo pensato per raccontare lo sviluppo green verso il futuro. A conclusione della manifestazione, l’asilo verrà donato a uno dei comuni dell’Emilia Romagna colpito dal recente terremoto.

Workshop e convegni affronteranno i temi dell’abitare green trattati dai maggiori esperti del settore provenienti dal mondo accademico, istituzionale e imprenditoriale e di grandi nomi dell’architettura e del design.