Zuhair Murad, Elie Saab, Giambattista Valli sono solo alcuni degli stilisti che durante le sfilate parigine della Haute Couture primavera estate 2016 hanno dato vita a preziose creazione che saranno di ispirazione per gli abiti da sposa della prossima stagione.

Anche se la parola d’ordine che ha unito ogni passerella è stata “lusso”, non sempre accessibile a tutti, gli abiti da sposa che hanno sfilato oltre a far sognare possono essere una preziosa indicazione per chi ha deciso di convolare a nozze.

Galleria di immagini: Gli abiti da sposa dall'Haute Couture Parigi

Vediamo allora qualche modello da sposa particolarmente interessante di sei stilisti che hanno calcato le passerelle della Ville Lumière.

  • Chanel: preziosi e bellissimi, gli abiti di Karl Lagerfeld sono stati soprattutto all’insegna di lavorazioni pregiate e intarsi che solo l’artigianato dell’alta sartoria sa realizzare. Tre le indicazioni che si possono rubare: le linee morbide, della seta charmeuse, con la gonna longuette, la mantella glitterata da abbinare a un completo top shoulderness e pantalone a palazzo. L’abito da sposa che ha concluso la sfilata è ricamato con fiorellini dorati e completato da una mantella di tulle e lurex che riprende i cieli stellati. Immancabile l’oggetto must have della passerella: il porta i-phone coordinato.
  • Elie Saab: delicata e dai toni polverosi, la collezione di Elie Saab ha proposto pezzi di derivazione vittoriana, stemperati da leggere contaminazioni indiane. Splendidi i maxi abiti da gran ballo in pizzo e cristalli; da sogno lo chiffon, capace di trasformare ogni sposa in una vera principessa. Non solo bianco, però, perché lo stilista ha prescelto il mauve, il celeste polvere, l’argento e il rosa cipria, colori perfetti per una sposa boho-chic.
  • Giambattista Valli: anche qui lo chiffon la fa da padrone, in una collezione ispirata come è dai giardini di Parigi e i loro fiori. Margherite, mughetti, rose e peonie si posano sul tulle o si trasformano in ricami preziosi. Deliziosi i fiori stilizzati che appaiono sui mini abiti candidi percorsi da ruches o si insinuano come ramage di paillettes sui pepli in tulle trasparente.
  • Ralph&Russo: i due designer australiani propongono lussuosi abiti da sera e tanti spunti per chi cerca un vestito da sposa corto o per chi cerca un abito diverso e desidera essere unica il giorno del suo matrimonio. Come l’abito più corto davanti con maniche a kimono in tulle e fiori applicati, linea semplice aderente per il vestito con cappa arricchita da applicazioni floreali e fiocco al collo; abiti lunghi dalla linea a sirena con un martello di piume a forma di petali o uno spettacolare abito da sposa impreziosito da oro perle e cristalli e un velo lungo tre metri.
  • Valentino: una collezione all’insegna della leggerezza e dell’armonia, da cui rubare le consistenze impalpabili degli abiti fluidi e leggerissimi, le tuniche sovrapposte, i pepli appuntati sulle spalle, abiti tutu a strati. I mini abiti sono cappe preziose mentre gli abiti in chiffon hanno maniche ampie e profonde scollature.
  • Zuhair Murad: lo stilista libanese, amato dalle star, regala una collezione che è un vero piacere per gli occhi, fonte infinita di ispirazione per gli abiti da sposa. Gli abiti corti bianchi in tessuto ricamato, giocati come fossero un tutu rigido da ballerina, pantaloni bianchi in pizzo con casacca sempre bianca fino all’abito da sposa principesco dallo stile apparentemente classico com gonna ampia e un velo dai ricchi ricami.