L’amore è per sempre, o quasi. Tra allestimenti floreali e invitati VIP, la coppia formata dal principe William e Kate Middleton ha dovuto trovare lo spazio per stipulare un rigorosissimo accordo prematrimoniale. Infatti, secondo il quotidiano tedesco Bild, i due innamorati avrebbero finalmente concordato i termini utili a tutelare entrambi, soprattutto la famiglia reale come molti malignano, in caso di divorzio.

A far discutere è stata soprattutto la decisione riguardante l’eventuale prole della coppia che, in caso di separazione, verrebbe affidata totalmente al padre William. I figli, tra i quali ci sarà anche il futuro erede al trono, potranno comunque ricevere tutte le attenzioni della madre e dei nonni Michael e Carol grazie al diritto di visita senza restrizioni ottenuto dalla Middleton.

Galleria di immagini: Principe William e Kate Middleton

Per quanto riguarda la parte economica, alla futura sposa spetterebbe esclusivamente il pagamento mensile degli alimenti, senza però poter godere delle fortune di William, le quali si aggirerebbero intorno a 14,6 milioni di euro ai quali si sommerebbero altri 327 dopo la morte della nonna, la Regina Elisabetta II. Diverso fu invece il trattamento riservato a Diana che, al momento del divorzio, ricevette dal Principe Carlo una somma di ben 17 milioni.

Sempre nell’accordo, stipulato presso lo studio legale londinese Spears, Kate dovrà abbandonare il titolo di Altezza Reale che le sarà conferito il prossimo 29 aprile. Non facendo più parte della famiglia, la Middleton dovrà ovviamente rinunciare anche alla possibilità di abitare in uno dei castelli appartenenti ai reali britannici, ripiegando invece su una villa della quale avrà uso esclusivo.

Ultima, ma non ultima, è di sicuro la questione privacy, inclusa anch’essa nel prenup dei due giovani sposini. Secondo quanto rivelato da uno degli avvocati dello studio Spears, se la sposa dovesse cadere nella tentazione di emulare Diana, la quale decise di rilasciare un’intervista prima del divorzio avvenuto nel 1996, sarebbe tenuta a pagare una multa “a sette zeri”.