L’acne è uno dei nemici giurati della pelle, ne pregiudica la bellezza e lo stato di salute, oltre a mettere in serio imbarazzo chi soffre di questo problema. Sul viso, i brufoli rappresentano un chiaro disagio estetico, per il quale ormai sono stati trovati numerosi rimedi e per il quale esiste sempre il {#make-up}.

L’acne corporeo, però, rappresenta un problema forse più grande: vedere schiena, braccia, addome e cosce ricoprirsi di brufoli mina seriamente la bellezza della pelle e il benessere psicofisico. Sono molte coloro che, soffrendo di acne corporeo, si sentono a disagio nel portare canottiere e gonne e nel veder sanguinare le bolle e macchiare i vestiti.

Sull’acne corporeo molto si è detto e fatto; tuttavia le soluzioni non sono univoche e possono variare a seconda del tipo di pelle. Indubbiamente, per provare a combattere l’acne, occorre affidarsi a rimedi che incrocino una corretta alimentazione e la cura della pelle.

In primo luogo, di fondamentale importanza è il lavaggio. Immergersi in una vasca d’acqua calda aiuterà a lenire il fastidio e a spurgare i pori occlusi. I prodotti detergenti devono essere privi di oli e privi di profumi: gli oli, infatti, rendono la pelle eccessivamente grassa, cosa di cui non si ha affatto bisogno in caso di acne, mentre i profumi potrebbero irritare la pelle.

Se si è fatto sport o si è sudato molto, occorre fare subito il bagno o la doccia: chi soffre di acne, infatti, deve evitare di far ristagnare il sudore sulla pelle. A tal proposito, è sempre bene utilizzare abiti traspiranti e in cotone, in modo tale che si possa far respirare la pelle nel modo più opportuno.

I prodotti detergenti dovrebbero essere a base di acido glicolico; le creme applicate dopo il bagno dovrebbero contenere perossido di benzoile. In ogni caso, se si opta per prodotti industriali, sempre utilizzare quelli specifici per l’acne. Altrimenti, è possibile preparare il classico rimedio naturale. Basta mescolare un cucchiaino di olio di oliva, uno di calendula, uno di olio di mandorle, due gocce di olio di tè verde e una di olio di camomilla, composto da applicare sulle zone problematiche.

Sull’acne bisogna esfoliare con molta moderazione. Lo scrub, infatti, potrebbe irritare una situazione già piuttosto grave. Qualora si decida di esfoliare, allora subito dopo occorre sempre applicare una crema idratante e lenitiva.

Un rimedio che ha ottime possibilità di successo rimane, però, il bagno nelle acque termali. Le acque termali ad alte temperature consentono di spurgare il pus dei brufoli, di disinfettare e cicatrizzare. Un ciclo di immersioni alle terme di sicuro gioverà alla pelle e a chi soffre di acne.

Rimane comunque indispensabile seguire un’alimentazione corretta. Bere molta acqua è il primo passo per aiutare la pelle a risolvere il problema. All’acqua devono essere affiancati alimenti specifici e poco irritanti – tuttora si è incerti se proibire o meno caffè e cioccolata a chi deve curare acne e brufoli. In ogni caso, meglio bere latte di avena, poiché contiene cellulosa, vitamina E e acido folico, indispensabili per una pelle sana; il tofu aiuterà nell’apporto di proteine vegetali e ferro e ha potere antiossidante; anche l’uva rossa è antiossidante e aiuta a combattere psoriasi e eczemi; i carciofi, con alta concentrazione di antiossidanti, permettono di rendere più chiara e compatta la carnagione; infine, è sempre bene consumare noci e semi di zucca: contengono zinco e selenio, la cui mancanza provoca l’acne.

Fonte: Our Vanity