Fresca e leggera, l’acqua micellare è l’alternativa ideale per chi non ama latte e gel detergente, ma preferisce struccare e detergere il viso con un solo prodotto. Nata ormai più di venti anni fa, è solo da qualche anno che ha conquistato clienti affezionati, invadendo gli scaffali con flaconi dalle qualità e dai prezzi molto diversi tra loro.

In realtà, nei backstage delle sfilate di moda, l’acqua micellare è nota e molto utilizzata da molto tempo, perché permette di sciogliere e rimuovere il make up, anche quello waterproof, con un solo gesto, ottenendo una pulizia completa del viso e velocizzando il cambio di trucco delle modelle.

Galleria di immagini: Acqua micellare: i prodotti

Cos’è l’acqua micellare

  • Si tratta di un prodotto di bellezza che svolge allo stesso tempo le funzioni dello struccante e del tonico, risparmiando tempo e non appesantendo la pelle con troppi trattamenti.
  • Il suo nome viene da micelle: vale a dire quelle microsfere di tensioattivi che, aggiunte all’acqua termale, compongono appunto l’acqua micellare.
  • In aggiunta a questi due elementi, l’acqua micellare può contenere altre sostanze come principi idratanti, lenitivi, oligo-elementi, estratti naturali di piante e minerali.

A cosa serve l’acqua micellare

  • Deterge e pulisce la pelle in profondità: le micelle, infatti, catturano impurità residui di trucco, lasciando la pelle pulita ed idratata. Svolge, poi, funzioni diverse a seconda delle diverse formulazioni in commercio.
  • Esiste l’acqua micellare specifica per pelli grasse, che aiuta a regolare la produzione del sebo in eccesso, quella per pelli delicate, in grado di lasciare una sottile barriera protettiva sul viso, e quella lenitiva per le pelli arrossate e irritate. Ne esistono anche versioni bio e senza parabeni.
  • La sua capacità altamente depurativa permette di mantenere la pelle pulita ed idratata anche nell’igiene quotidiana di chi non fa un uso eccessivo di trucco.

Come si usa l’acqua micellare

  • Facile da utilizzare, permette di struccarsi in profondità in pochissimo tempo. È sufficiente prendere alcuni dischetti di cotone e procedere come per una normale operazione di rimozione del trucco.
  • Se l’acqua micellare è utilizzata solo come detergente, è sufficiente passare un solo dischetto per la pulizia di tutto il viso.
  • Se, invece, serve per eliminare il trucco, è meglio cambiare dischetto per ogni zona del volto.
  • Per garantire un effetto migliore sugli occhi è consigliabile lasciare i dischetti imbevuti di acqua micellare sopra le palpebre per qualche secondo, in modo tale da riuscire ad eliminare ogni traccia di mascara, anche quello waterproof.
  • L’acqua micellare può non essere risciacquata. Tuttavia, lasciando una leggera patina sulla pelle, può essere indicato passare un dischetto imbevuto di acqua termale. Meglio evitare, invece, l’acqua del rubinetto perché il calcare può appesantire di nuovo la pelle, vanificando l’effetto benefico dell’acqua micellare.