La gravidanza è al termine e prima della nascita del bambino bisogna fare una lista delle cose indispensabili e necessarie per il neonato, sia da tenere in casa sia utili per spostarsi liberamente con lui.

Non serve rompere il salvadanaio, poiché ci sono molti oggetti che si possono acquistare di seconda mano, noleggiare o farsi prestare. Prima di tutto occorre una carrozzina, magari del tipo trio, in modo tale da poter combinare i vari pezzi secondo la necessità e la crescita del neonato, facendo riferimento ai parametri della sicurezza e alla facilità d’uso, infatti i vari passeggini, ovetti e navicelle devono essere maneggevoli e resistenti.

Per quanto riguarda la culla, non è necessario acquistare baby supporti per i primi giorni, ma è sufficiente un lettino a norma nel quale il piccolo potrà dormire a lungo, generalmente fino ai tre anni e anche oltre.

La biancheria per il lettino non deve mai mancare, ed è consigliabile cambiarla spesso soprattutto perché i bimbi sudano molto anche a causa del pannolino, ed è sempre bene tenerli freschi e, il più possibile, puliti.

Un corredo iniziale per il neonato è davvero indispensabile, infatti nelle prime settimane cresce a vista d’occhio e non bisogna farsi sorprendere sprovviste degli indumenti adatti: pertanto ben vengano body a giromanica e mezza manica, canottiere, calzini (per le scarpe ancora c’è tempo), bavaglini, pigiami, gilet per i primi freddi e tute con chiusura pratica per il giorno (anche di ciniglia).

La biancheria dovrebbe essere rigorosamente tutta di puro cotone e di tinte chiare o addirittura bianche, poiché alcuni coloranti potrebbero dar fastidio alla pelle del neonato, ancora così delicata. Inoltre i pediatri consigliano di usare pigiami leggeri (al bando la lana e non eccedere con la ciniglia di notte, a meno che non si abiti al Polo Nord o dintorni) poiché l’eccesso di calore è una delle possibili cause della morte in culla (SIDS).

La scorta di pannolini è doverosa: almeno due dozzine della taglia più piccola e a riguardo occhio alle offerte. Anche la crema allo zinco per il cambio non deve mai mancare. Per quanto riguarda la pappa del neonato, se si allatta al seno bisogna rifornirsi di reggiseni con tutti i comfort, ma comunque in casa devono esserci anche un biberon di scorta, uno sterilizzatore – a vapore o per il microonde – e un ciuccio in caucciù.

Più avanti, quando il neonato avrà cinque mesi, servirà anche un seggiolone per iniziare lo svezzamento: il bimbo ne sarà contento e incuriosito, poiché inizierà a partecipare alle azioni familiari e ai momenti di riunione attorno alla tavola.

Fonte: Bodyandsoul