Era nata il 21 ottobre 1941. È mancata oggi, 5 gennaio 2018, a casa sua. Marina Ripa di Meana, eclettica personalità dei salotti romani, stilista e scrittrice, aveva 76 anni e da 16 anni combatteva contro il cancro. Come riportato da Dagospia, il primo sito a darne notizia, lei stessa aveva detto agli amici: “Sarà il mio ultimo Natale”.

E così ha trascorso le feste serena, con i suoi cari, come testimonia la foto postata su Instagram della figlia Lucrezia Lante della Rovere, che ha poi dichiarato al Corriere della Sera: “Mia madre ha combattuto la malattia come una guerriera e sarà un grande esempio per me, per le mie figlie e per tutti noi. Mamma, mi mancherai!”.

The Holy Family

Un post condiviso da Lucrezia della Rovere (@lucrezialantedellarovere) in data:

Ci ha lasciato una donna davvero eccezionale, un personaggio vulcanico, sempre sopra le righe ma con ironia ed eleganza: di Reggio Calabria, ha iniziato a lavorare nel mondo della moda a Roma, nell’atelier in Piazza di Spagna aperto insieme all’amica Paola Ruffo di Calabria (divenuta poi regina del Belgio).

Conosciuta dal grande pubblico per i suoi matrimoni prima con Alessandro Lante della Rovere e poi con Carlo Ripa di Meana, è divenuta un amato personaggio televisivo sempre presente sul piccolo schermo, tanto che la sua ultima apparizione è dello scorso 18 dicembre, quando ha parlato della sua malattia su Rai 1, ospite de La vita in diretta.

Autrice di quasi 15 libri, tra cui I miei primi quarant’anni (1984) e La più bella del reame (1988), divenuti anche dei film, si è prodigata per tante battaglie animaliste con i suoi capelli rosso fiamma e con i suoi amati carlini al fianco.

Il suo spirito, i suoi look eclettici, la sua allegria e l’indole anti-snob ci mancheranno: “Mai giudicare, l’importante è non farsi addomesticare, io sono sempre stata me stessa”.

Ciao Marina. Sei stata un grande esempio di donna coraggiosa e controcorrente per tutti noi.