Quando non si è delle sportive professioniste, spesso si tende a trascurare di allenare muscoli piuttosto importanti come gli addominali obliqui. Questo avviene, di solito, perché gli addominali obliqui sono in genere presi in forte considerazione da chi pratica sport da combattimento e ha quindi necessità di aumentare la flessione del proprio busto in modo tale che aumenti poi la velocità del movimento e la capacità di attutire i colpi.

Andare ad allenare gli addominali obliqui, per una donna che non ha necessità di praticare sport fisici che richiedono molta potenza, significa soprattutto andare a modellare una parte del corpo che potrà far risaltare la propria bellezza. Lavorare su quella parte del corpo significa infatti donare un tocco di armonia alla propria persona. Gli addominali obliqui, infine, sono molto importanti perché permettono di controllare in modo più efficace il baricentro – e quindi la stabilità.

Crunch invertito: come farlo

Uno dei modi migliori per allenare gli addominali obliqui è quello di eseguire degli esercizi di crunch invertito. Ne esistono alcune varianti, come quella a gamba flessa oppure a gamba distesa. Si possono eseguire comodamente anche a casa propria, basta avere un tappetino oppure un asciugamano da stendere a terra. Ecco come eseguirli in modo corretto ed efficace:

  • Crunch invertito a gamba flessa. La posizione iniziale da assumere prevede che ci si distenda sulla schiena, con entrambe le gambe flesse sulle cosce mentre queste ultime sono flesse sul bacino. L’esercizio consiste nel portare il bacino in retroversione, permettendo così agli addominali di accorciarsi e di restare in uno stato di tensione.
  • Crunch invertito a gamba distesa. Anche in questo caso la posizione iniziale consiste nel mettersi sdraiate poggiando la schiena a terra. Le gambe vengono stese a terra e quindi sollevate, cercando di tenerle attaccate una all’altra. Il movimento deve essere lento, sia nella salita che nella ridiscesa delle gambe. Si tratta di un esercizio che richiede una buona preparazione, per questo meglio eseguirlo per gradi – senza esagerare troppo all’inizio – e aumentando il numero dei sollevamenti solo quando ci si sente pronte a farlo.

Fitball: come allenarsi

Gli addominali obliqui possono essere efficacemente allenati anche grazie all’ausilio delle fitball , attrezzi dal prezzo piuttosto contenuto che consentono di svolgere esercizi in modo divertente e alternativo. Le fitball hanno grandezze varie e si consiglia di acquistarle in base alla propria altezza: fino a 175 centimetri può andar bene una fitball da 55 centimetri, se si è più alte si può acquistarne anche una da 65. A questo punto si è pronte per allenarsi e a tal proposito è possibile provare i seguenti esercizi:

  • Il primo esercizio prevede di poggiarsi con il fianco sulla fitball, con i piedi che poggiano al suolo e le gambe una davanti all’altra. Una delle braccia poggia a terra. A questo punto il busto viene portato in flessione laterale, in modo tale che venga assecondato il movimento con il capo che viene retto dalla mano che non poggia a terra. L’esercizio andrebbe ripetuto fino ad un massimo di quindici volte.
  • Il secondo esercizio prevede invece che ci si stenda a terra, facendo poggiare la schiena sul tappetino. Le gambe sono tese in alto e la fitball viene retta tra i piedi. A questo punto la palla viene fatta ruotare con le gambe, prima a destra poi a sinistra. Anche questo esercizio va eseguito fino ad un massimo di quindici volte.