Averli tonici e scolpiti è fondamentale per molte donne, consapevoli di quanti sacrifici siano richiesti per raggiungere questo scopo, sia alimentari sia fisici. Si parla naturalmente di addominali, croce e delizia per la maggior parte del sesso femminile.

Una pancia piatta, senza antiestetici rotolini di grasso e oggetto di invidia da parte delle amiche in spiaggia, o in palestra, rappresenta un desiderio quasi irraggiungibile per numerose donne, che devono lottare quotidianamente con la tendenza, tipicamente femminile, di accumulare adipe proprio in corrispondenza della fascia addominale.

Galleria di immagini: Esercizi per addominali

Secondo Michele Olson, docente di scienza dell’esercizio fisico presso la Auburn University in Alabama, è tuttavia possibile migliorare lo stato degli addominali seguendo cinque esercizi molto semplici, da eseguire anche a casa, mirati proprio a perfezionare questa zona così problematica.

“I muscoli di uomini e donne non differiscono in modo significativo, tuttavia le donne tendono ad allargarsi di più nella zona del bacino. È una sfida per ogni donna conquistare addominali perfetti, specialmente dopo aver avuto un bambino o in un’età non più giovane”.

Gli esercizi proposti da Olson sono da eseguire in sequenza, ripetendoli dalle cinque alle dieci volte di seguito per due o tre volte la settimana. Questo metodo sarebbe più efficace di un continuo ed estenuante allenamento svolto quotidianamente.

Per eseguire il primo esercizio è necessario un tappetino da palestra e una Palla Fitness. Bisogna inginocchiarsi poggiando i gomiti sulla palla, facendola rotolare lentamente in avanti fino a distendere le braccia. Questa tecnica, che consente di non gravare sulle anche e sulla schiena, è indicata soprattutto per le neo mamme e contribuisce a rafforzare la colonna vertebrale dopo il parto.

Si passa poi al secondo esercizio, mirato agli addominali obliqui, da eseguire sdraiati con la pancia verso il soffitto. Con le ginocchia piegate e i piedi uniti, bisogna sollevare le gambe allineando le ginocchia alle anche, allungando le braccia lungo i fianchi a pochi centimetri sopra il pavimento, con i palmi rivolti verso il basso.

Il terzo esercizio richiede un certo equilibrio, infatti ci si deve tenere sollevati dal pavimento sostenendosi con l’avambraccio perpendicolare al corpo e la mano destra appoggiata sul fianco. Con i piedi incrociati, bisogna tenere la posizione per dieci secondi, replicandola poi dall’altro lato del corpo.

Per eseguire il quarto esercizio, è necessario mantenersi in equilibrio poggiando il bacino sul pavimento, con le gambe sollevate da terra all’altezza delle ginocchia, e le braccia tese in avanti. Anche questa posa va mantenuta per dieci secondi.

Per l’ultimo esercizio bisogna infine posizionarsi sdraiati sul tappetino, portando le ginocchia verso il petto fino a toccare i polpacci con le mani. Il busto deve sollevarsi dal pavimento senza sforzare il collo, accompagnandosi con una adeguata respirazione.