Adriano Celentano contro SKY. Stavolta non si tratta di questioni inerenti la sempre richiesta libertà d’espressione dell’artista, foriera – come per il Festival di Sanremo – di molte polemiche, ma alla base ci sarebbe un mancato rispetto delle consegne per un cartone animato che vedeva all’opera lo staff del Clan e molti altri professionisti.

La storia per SKY si incentra sull’eclettico protagonista Adrian, dietro cui si nasconde neppure tanto celatamente l’immagine di Adriano Celentano, da cui prende appunto nome la serie. Nello staff della creazione figurano sceneggiatori della Scuola Holden di Alessandro Baricco, Milo Manara, Nicola Piovani, Vincenzo Cerami e lo stesso Molleggiato.

Galleria di immagini: Adriano Celentano

Il Clan di Adriano Celentano ha detto la sua in relazione a questa situazione:

«Dopo anni di duro lavoro alla nostra serie animata Adrian, SKY Italia ha improvvisamente richiesto la risoluzione del contratto sottoscritto con la nostra società. Ciò ha fatto in spregio dei moltissimi materiali prodotto nel frattempo dal Clan, della qualità ricercata, del talento e della passione di chi lavora con noi alla realizzazione di un’opera di particolare ambizione, estrosità e fantasia come Adrian. Difenderemo strenuamente, ancor più in questo momento di grave crisi economica, i posti di lavoro di tutti coloro che collaborano con noi su questo progetto e contrasteremo in ogni modo questo tentativo di trasformare le esigenze artistiche di creazione di un opera inedita e ambiziosa, in un’inadempienza contrattuale con il consueto cinismo delle multinazionali.»

Ben differente il punto di vista di SKY, che potrebbe comunque avere ragione per quanto riguarda le disattese scadenze, più volte rimandate nel corso degli anni:

«In primo luogo SKY non ha affatto annullato Adrian, ha semplicemente chiesto di consegnare le puntate come previsto dal contratto firmato nel 2009. Già nel 2010 SKY, nonostante avesse corrisposto una cifra molto considerevole al Clan per questo prodotto, in considerazione della stima per Adriano Celentano e per il team artistico coinvolto e delle aspettative per Adrian, SKY ha acconsentito a uno slittamento di un anno delle consegne. Successivamente il Clan Celentano ha identificato un nuovo produttore esecutivo: Mondo TV SPA. Purtroppo il 30 giugno 2011, via agenzia di stampa, SKY ha appreso che il Clan Celentano era entrato in causa anche con loro. In seguito a quell’annuncio il 1 luglio 2011 il Clan ha confermato a SKY che i tempi di consegna sarebbero stati comunque rispettati. Dopo un mese però il Clan ha chiesto un ulteriore slittamento di un anno circa.»

Fonte: Online news.