Primo maggio senza Afterhours. È questa la brutta sorpresa che si sono trovati di fronte i fan del gruppo guidato da Manuel Agnelli al concertone di Roma organizzato come ogni anno dai sindacati dei lavoratori. Le cifre dei partecipanti sembrano essere state molto buone, e se non fosse stato per questa defaillance dell’organizzazione sarebbe filato tutto liscio.

Gli Afterhours quindi non ci sono stati al primo maggio a Roma, nonostante fossero previsti in scaletta.

Galleria di immagini: Afterhours

La loro esibizione era stata stimata per le 23,06, tuttavia inizialmente non precisati ritardi nei set degli altri musicisti, con l’allungamento dell’esibizione di Caparezza, hanno costretto ad annullare l’esibizione tanto attesa. Anche ai giornalisti è stata data comunicazione all’ultimo momento.

Il problema in sé non è stato semplicemente la cancellazione degli Afterhours, ma anche non aver detto nulla alle persone che erano lì ad ascoltare il concertone del primo maggio e sono rimasti con l’amaro in bocca, senza ascoltare le hit più celebri della band e i brani dell’ultimo album “Padania”. Tantissime, 850mila si dice, ma in realtà le stime sono molto più prudenti.

Si parla infatti di cifre vere che si aggirano intorno ai 500mila partecipanti, un grosso risultato merito delle esibizioni, degli artisti in cartellone e degli extra musicali. Il concertone dà quindi appuntamento all’anno prossimo augurandosi che tutti i problemi organizzativi vengano risolti.

Fonte: Rockol.