Ultime news sulle detrazioni del 50% e del 55% per gli interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica.

Sono state introdotte nuove norme per chi vuole ristrutturare la casa: la detrazione per gli interventi di ristrutturazione è passata al 50% (art. 11 Dl 83/2012, convertito in legge 134/2012). Pertanto, dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013, si detrae il 50% (e non più il 36%) delle spese e

la spesa massima consentita è 96.000 euro (non più 48.000).

Sono state introdotte anche delle semplificazioni: non è più obbligatorio comunicare il costo dei lavori al Centro di Pescara, prima di iniziare i lavori; non bisogna indicare in fattura il costo della manodopera; non è obbligatorio indicare chi ha diritto alla detrazione e gli interventi agevolati. La detrazione vale anche se si costruisce un box o posto auto nuovo. Dal 1° luglio 2013 si torna alla detrazione al 36% con un tetto massimo di spesa di 48.000 euro.

Per gli interventi di riqualificazione energetica, la legge di conversione del Dl 83/2012 ha introdotto la proroga della detrazione al 55% per tutte le spese sostenute prima del 30 giugno 2013 con un tetto di spesa di 100.000, 60.000 o 30.000 in base al tipo di intervento.

IN SINTESI

Dal 1° gennaio 2012 parte l’agevolazione 36-50% per le ristrutturazioni, anche per box auto, anche per gli interventi sulle parti comuni. La detrazione si può suddividere al massimo in 10 anni. La detrazione del 36% vale anche per gli edifici distrutti o rovinati da calamità naturali.

Dal 26 giugno 2012 fino al 30 giugno 2013. La detrazione sale dal 36 al 50%, con spesa massima di 96.000 euro, i bonifici bancari pagati dal 26 giugno 2012 beneficiano del 50%.

Dal 17 settembre 2011. L’agevolazione è valida anche se la casa viene venduta.

Dal 6 luglio 2011. La ritenuta sui bonifici è al 4%.

Dal 14 maggio 2011. Non bisogna inviare la comunicazione preventiva al centro di Pescara e indicare il costo della manodopera in fattura.

Quindi la data del 26 giugno 2012: per i lavori in corso, le spese sostenute prima di quella data sono soggette al 36% con importo massimo di spesa per 48.000 euro, mentre le spese sostenute dopo quella data sono soggette alla detrazione del 50% con spesa massima 98.000 euro. Complessivamente, per l’anno 2012, la somma massima su cui detrarre la percentuale per i lavori iniziati prima del 26 giugno e finiti dopo, non può mai superare i 96.000 euro: il vecchio importo non si somma al nuovo.

Detrazioni 55% per efficienza energetica

Dal 1° gennaio fino al 30 giugno 2013. La percentuale di detrazione spettante per gli interventi di efficientamento energetico è del 55%.

Dal 1° gennaio fino al 31 dicembre 2012. Se si sostituiscono gli scaldacqua tradizionali con quelli a pompa di calore, la detrazione sull’intervento è del 55%.

Dal 6 luglio 2011. La ritenuta sui bonifici è al 4%.

Dal 14 maggio 2011. Non serve indicare il costo della manodopera in fattura.

NOTA

La detrazione del 50% e del 55% vale per tutti i tipi di interventi di ristrutturazione e recupero del patrimonio edilizio: anche per l’eliminazione delle barriere architettoniche, la cablatura degli edifici, il contenimento dell’inquinamento acustico, la messa in sicurezza statica e antisismica, la bonifica dell’amianto, le opere per evitare gli infortuni domestici, la realizzazione o l’acquisto di box auto.