Il Museo Christian Dior di Granville ospita fino al 6 gennaio 2019 la mostra Les trésors de la collection, 30 ans d’acquisitions (I tesori della collezione, 30 anni di acquisizioni): negli spazi di Villa Les Rhumbs, antica dimora di famiglia del couturier, trasformata in museo nel 1997, è possibile perdersi tra le creazioni di Monsieur Dior, in un viaggio unico tra 60 abiti, accessori, numerosi documenti d’archivio, oggetti personali appartenuti al couturier.

Il materiale esposto permette ai visitatori comprendere la sua storia personale e familiare, il suo patrimonio imprenditoriale, la sua carriera creativa, il suo stile unico e il successo della Maison Dior fino ad oggi.

Leggi anche: In mostra a Treviso i manifesti di Federico Seneca, il papà dei baci Perugina | La mostra su Monica Vitti a Roma

Saranno svelati oggetti preziosi appartenuti a Dior, come un cofanetto d’argento donato dall’Imperatore del Giappone, o effetti personali amati da Monsieur, come la sua stella fortunata, la sua agenda, il suo orologio e le sue forbici.

La stella fortunata di Christian Dior (Foto: Benoit Croisy – courtesy press office)

Diversi gli abiti, acquistati o donati e restaurati per completare le collezioni come parte della mostra, esposti per la prima volta. In chiusura, sarà possibile ammirare le riproduzioni in miniatura di 30 abiti Haute Couture, creati appositamente per l’occasione dalla maison.

Abito Rose France di Christian Dior, Haute Couture SS1956 (Foto: Laziz Hamani – courtesy press office)

L’esposizione ha il grande merito di illustrare il notevole patrimonio del Museo Christian Dior, diventato Musée de France nel 2002, ha ottenuto nel 2011 l’etichetta Maison des Illustres, che onora le case d’uomini e di donne che hanno segnato la storia del paese.

Villa Les Rhumbs (Foto: Raphaël Dautigny – courtesy press office)

È in una vegetazione lussureggiante, lontano dagli sguardi e dallo stress cittadino, che Christian Dior, bambino riservato e sognatore, trascorse la sua infanzia. La Villa Les Rhumbs, una casa rosa e grigia e il suo giardino inglese rimarranno le sue principali fonti di ispirazione stilistica.

La mia casa d’infanzia… Ne serbo un ricordo estremamente tenero e meravigliato. Che dico? La mia vita e il mio stile si ispirano quasi totalmente a quell’atmosfera e a quell’architettura“, ebbe a dire lo stilista.

Il giardino di Villa Les Rhumbs (Foto: Benoit Croissy – courtesy press office)

Christian Dior, l’autre lui-même, esposizione allestita nel 1987 presso il Museo di Arte Moderna di Richard Anacréon, è stato il punto di partenza per creare un fondo Christian Dior. L’idea di creare un museo permanente nella casa nella Bassa Normandia in cui nacque il grande stilista divenne realtà dieci anni dopo. Da allora, l’edificio in perfetto stile Belle Epoque, circondato da un grande giardino ricco di fiori e piante e costruito a ridosso del mare, è visitato ogni anno non solo dai tanti appassionati di storia della moda e di Monsieur Dior, ma anche dagli amanti della natura.

Abito Fête di Christian Dior, Haute Couture SS1948 (Foto: Laziz Hamani – courtesy press office)

Galleria di immagini: Al Museo Christian Dior di Grenville, la mostra Les Trésors De La Collection, le foto