Dal 1 al 7 ottobre 2012 si celebra la quindicesima edizione della “Settimana per l’allattamento materno” (SAM), un’iniziativa promossa dall’Alleanza Mondiale per interventi a favore dell’allattamento e dedicata, quest’anno, al decimo anniversario dalla pubblicazione della “Strategia globale per l’alimentazione dei neonati e dei bambini” da parte dell’OMS e dell’Unicef.

Un evento volto a sensibilizzare l’universo femminile, e non solo, sull’importanza dell’allattamento al seno per la prevenzione di numerose malattie e, soprattutto, per la riduzione nella mortalità infantile.

Con la strategia globale, infatti, Unicef e OMS hanno creato uno strumento per incrementare la percentuale di bambini allattati esclusivamente al seno almeno nei primi 6 mesi di vita, con l’obiettivo di tagliare di due terzi il numero di morti infantili. È sempre l’Unicef a sottolineare come il tasso globale di allattamento materno sia ancora troppo basso nei Paesi in via di sviluppo, fermo al 39% nel 2010.

«Se l’allattamento al seno fosse stato promosso in modo più efficace e le donne fossero state protette dal marketing aggressivo dei sostituti al latte materno, oggi molti più bambini sarebbero sopravvissuti e cresciuti, ci sarebbe stata una minore incidenza di malattie e tassi più bassi di malnutrizione e arresto della crescita».

Queste le parole del Direttore Generale dell’Unicef Anthony Lake, mentre anche in Italia la settimana dell’allattamento al seno sarà celebrata con una serie di eventi disseminati sul territorio nazionale: a Verbania, ad esempio, il 19 ottobre si terrà il IX Incontro della Rete degli ”Ospedali & Comunità Amici dei Bambini”, mentre non mancheranno incontri a Roma, Biella, Chivasso (TO), Mestre (VE), Faenza (RA), Ferrara, Viterbo, Cervignano del Friuli (UD), Palermo, Lido di Camaiore (LU).

Fonte: Unicef