Realizzata dal dipartimento di industrial design della Alberto Del Biondi SpA, simboleggia la nuova opinione del “senza è meglio”, un nuovo concetto per andare in bicicletta con l’essenziale, il funzionale e il bello.

Catena di trasmissione e mozzo scompaiono, così come i raggi, per lasciare posto alla nuova ruota perimetrale libera al centro, quasi a dimenticare secoli di tradizione ed evoluzione.

Carbonio, alluminio e nivacrom (acciaio light) i materiali impiegati per la realizzazione del telaio, leggeri, resistenti e flessibili per solo 6 kg di peso.

Dimenticate le raccomandazioni dei nostri nonni “più pesa e più è robusto”. Look moderno e sportivo con forme pulite ed eleganti, rompe nettamente lo schema classico della bicicletta per lasciare posto ad una nuova immagine iconografica.

concept bike alberto del biondi

Qualcuno si è incuriosito sul suo funzionamento? Bene, ecco svelato il segreto. I pedali trasmettono il movimento alla ruota con un ingranaggio nascosto nel telaio ad un sistema di ruote dentate. E i cavi che siamo abituati a vedere? Hanno un passaggio interno per scomparire.

Infine, sella in carbonio e manubrio in alluminio (rivestito sempre in carbonio) completano la due ruote.

L’impegno di spesa? Per ora riservato, ma sarete tenuti aggiornati per questo “must” che stuzzicherà l’interesse di molti ciclisti, sportivi e non.