Alessandra Mussolini, parlamentare del Pdl, ha pubblicamente attaccato la modella Bianca Balti, neotestimonial Tim, dicendo di preferirle Belén Rodriguez.

L’occasione si è presentata durante un’intervista rilasciata dalla Mussolini a Klaus Davi. Il “massmediologo” ha poi pubblicato la conversazione sulla sua pagina Facebook “Porca Italia”.

Galleria di immagini: Bianca Balti

La Mussolini avrebbe detto della Balti che “lo spot è brutto, lei sembra un manichino”, e che sarebbe persino contenta se la Tim la licenziasse, “perché non se ne accorgerebbe nessuno”, per chiudere con un appello: “arridateci Belen!”.

Ma perchè la parlamentare Pdl nutrirebbe tanta ostilità per la splendida modella 27enne? La spiegazione è semplice: la Balti sarebbe colpevole di un attacco ingiustificato a Silvio Berlusconi. In effetti la modella, apparsa recentemente sulla copertina di Vanity Fair, aveva rilasciato alcune dichiarazioni sul Presidente del Consiglio e sulla vergogna di presentarsi come italiana all’estero.

“Tutto il mondo ci prende in giro per Berlusconi. All’inizio mi inca**avo e cercavo di reagire, ma adesso cerco di ragionare e spiegare che l’Italia non è solo Berlusconi”.

Queste affermazioni hanno fatto infuriare la parlamentare Pdl, che ha lanciato la sua accusa:

“Non ci posso credere che la testimonial della Tim abbia veramente detto una cosa simile. Si è dimostrata poco intelligente politicamente. Spero che la Tim la licenzi immediatamente e si riprenda Belen: ha insultato la maggioranza degli italiani che con convinzione ha votato il nostro Premier, dimostrandosi poco intelligente”.

Le critiche espresse su Berlusconi dalla Balti sono opinioni personali, ma secondo la Mussolini la testimonial di una azienda italianissima come la Tim non dovrebbe permettersi di lanciare accuse al proprio Presidente del Consiglio. E chiude così la sua invettiva:

“Si vergogna di essere italiana? Vada in Francia, con la Bruni a suonare la chitarra”.