In riconoscimento dei suoi successi come direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele è stato premiato dal British Fashion Council e ha vinto il Premio Internazionale Designer 2015.

Natalie Massenet, direttore del British Fashion Award ha dichiarato al momento della premiazione: «Da quando Alessandro ha assunto il suo nuovo ruolo ha presentato quattro collezioni che hanno catturato l’attenzione del settore e dei consumatori, fissando l’ordine del giorno della moda e confermando la posizione di Gucci come casa di moda veramente direzionale».

Celebre per la sua pelletteria e i suoi accessori, Gucci, fondata a Firenze nel 1921, fa parte di Kering, il secondo colosso internazionale del lusso. La nomina di Alessandro Michele, avvenuta nel gennaio del 2015, dopo l’abbandono di Frida Giannini, ha segnato per la maison fiorentina un cambiamento coraggioso e significativo: le quattro collezioni presentate finora hanno catturato da subito l’attenzione degli esperti e dei buyers, fissando l’ordine del giorno della moda e confermando Gucci come tra i più importanti brand del lusso di questo momento.

Michele è arrivato nel 2002 con Tom Ford, dopo un periodo di lavoro da Fendi, dove ha lavorato come Senior Designer di accessori. La sua bravura una volta arrivato al vertice della maison? Aver compreso i codici storici di Gucci e averli interpretati con il suo romanticismo in versione moderna.

Incaricato di sorvegliare tutti gli aspetti creativi del brand, con il suo approccio contemporaneo e originale, Alessandro Michele ha saputo restituire a Gucci il suo ruolo iconico all’interno del panorama della moda.