Era ora che qualcuno ai vertici della televisione si accorgesse delle eccessive volgarità che i protagonisti del piccolo schermo mettono in scena durante reality, talk show e varietà di ogni tipologia.

Alessio Gorla, ovvero il consigliere del Consiglio di Amministrazione della Rai, ha rilasciato un’intervista a “KlausCondicio”, programma di Klaus Davi, nella quale afferma che saranno messi i freni adeguati per evitare la presenza di espressioni scurrili nei programmi del palinsesto Rai.

Sarà bandito il turpiloquio e la parolaccia con particolare attenzione alla fascia protetta. Il palinsesto Rai sarà non direi più casto perché non mi sembra il termine appropriato, ma sicuramente meno volgare. Di recente, ho fatto un intervento in Consiglio, chiedendo che nel programma la “Vita in diretta” venisse moderato il tono, il linguaggio, ma anche certe immagini non consone all’orario della messa in onda. Un programma che a mio modo di vedere quest’anno ha avuto pesanti cadute di stile concedendo troppo a un linguaggio sboccato e a tratti inseguendo su questa strada il concorrente “Pomeriggio Cinque”.

Si promettono, dunque, maggiori controlli in merito al linguaggio da usare nei vari programmi, sperando nella decenza e nel buon senso di conduttori e ospiti. Alessio Gorla, inoltre, si esprime su “L’Isola dei Famosi” e sull’operato di Simona Ventura:

Quanto all’Isola dei Famosi non credo affatto sia incompatibile con la Rai. La prossima Isola sarà ripulita. Anche la Ventura ha capito che la forza dell’Isola non sta nelle parolacce e nella volgarità, ma negli stati d’animo umani che vengono rappresentati dal racconto popolare.