Una consacrazione postuma, a quasi un anno dalla sua scomparsa. Alexander McQueen sarà premiato agli imminenti “British Fashion Awards 2010“. Venerato a livello mondiale per il suo design provocatorio, per le sue collezioni moderniste e il suo carattere intransigente, lo stilista inglese sembra aprirsi ancora di più la strada per l’immortalità.

A sancire il premio per McQueen è stato il British Fashion Council, che ha considerato l’impatto eccezionale che le creazioni dell’artista hanno avuto in tutto il pianeta, che lo ha visto conquistarsi fama e gloria in meno di un decennio. Per commemorare il designer inglese la cerimonia di premiazione si aprirà con una sorta di film diretto da Nick Knight e dedicato alle sue più celebri creazioni.

L'”Outstanding Achievement Award” celebra l’eccezionale talento di un individuo che ha contribuito all’industria della moda britannica sia a livello internazionale, sia qui nel Regno Unito nel corso della sua carriera. C’era solo una persona che sentivamo di premiare quest’anno, Lee McQueen.

Unico, eccentrico, vitale artista dal genio visionario: ecco come chi lo conosceva descrive Alexander, che già in passato aveva vinto ben quattro volte il titolo di “British Designer of the Year”. Anche il “Metropolitan Museum of Art di New York” ha scelto di organizzare una retrospettiva in suo onore per la prossima primavera, durante la quale sarà ripercorso il cammino dello stilista britannico.

Le sue creazioni esprimevano la sua voce fuori campo nella fashion contemporanea, tanto che sempre più spesso venivano considerate come vere opere d’arte piuttosto che semplici abiti spettacolari. Un riconoscimento assolutamente meritato per colui che veniva considerato l’unico “enfant terribile” della moda.