La star di “True Blood” Aleksander Skarsgard non ha nessun problema a spogliarsi sul set o per le copertine dei magazine, anzi, si sente a suo agio nudo e si diverte molto. Specie quando è in compagnia dei colleghi.

Non a tutti gli attori piace spogliarsi completamente per film, campagne pubblicitarie o shooting fotografici, come ad esempio a Jessica Alba, che ne aveva fatto una questione di principio. Ma Aleksander Skarsgard non la vede affatto così. Nudo come un verme si sente perfettamente a suo agio.

È lui stesso che ne ha parlato con il magazine inglese GQ:

Perché amo essere nudo? Perché sono nato in quel modo? Non è che scrivo io le sceneggiature apposta, ma non mi dispiace se ha senso nella storia. Le sole volte in cui può essere imbarazzante è se ti senti sfruttato, tipo “Perché dovrei starmene qui in piedi nudo?” però non l’ho mai provato. C’è sempre stata una ragione nel telefilm ed è sempre stata in grandi momenti: in scene da pazzi, divertenti.

L’attore di “True Blood” parla anche della fatidica copertina di Rolling Stone, quella dove lui e le sue co-star Anna Paquin e Stephen Moyer appaiono nudi e coperti di sangue. Aleksander ha raccontato come dopo 6/7 ore di foto a modo, tutti vestiti a puntino, a un certo punto il fotografo abbia detto:

Ok, abbiamo queste e vanno benissimo e il magazine sarà felice ma mi piacerebbe provare qualcos’altro se voi state al gioco.

E i tre non hanno esitato. E dire che Aleksander si sente tutt’altro che sexy. Poco tempo fa aveva persino dichiarato:

Sono insicuro, come la maggior parte delle persone. Ci sono giorni in cui mi sento l’uomo più brutto del pianeta.

Ma non timido, evidentemente.