Il germe di grano è importante nell’alimentazione del tuo bambino e ti spieghiamo perché. Purtroppo, sempre più spesso sulle nostre tavole compaiono cibi raffinati, privati delle loro sostanze naturali. Il pane, la pasta e altri prodotti a base di farina non integrale sono privi della crusca e dell’embrione, quella minuscola fogliolina racchiusa nel chicco di frumento.

Il germe di grano, sottoprodotto della molitura, si trova sul mercato sfuso o nei sacchetti. Perché è così speciale? Il germe di grano è una vera riserva di vitalità, perché è particolarmente ricco di sostanze nutritive (aminoacidi, acidi grassi, sali minerali, vitamine del gruppo B e vitamina E), fondamentali per favorire la germinazione e sostenere le prime fasi di crescita della pianta.

Come usarlo: rigorosamente crudo, altrimenti perde buona parte della vitamina E, le vitamine del complesso B e gli acidi grassi. Si aggiunge in piccole quantità nelle più varie pietanze. Il suo sapore gradevole e leggero si presta bene a zuppe di pasta, yogurt e frullati.

Crudo o cotto?

Il calore della cottura distrugge la gran parte degli enzimi e delle vitamine vitali per l’organismo. Per questo motivo è bene dedicare almeno la metà del pasto agli alimenti crudi. In particolare gli effetti ”indesiderati” delle alte temperature sono: *Gli enzimi chiamati ”fattori di crescita”, presenti nei vegetali freschi e crudi, utili per l’organismo, sono assenti nei cibi cotti. *Le proteine della carne cotta s’impoveriscono con la cottura prolungata. *La crosticina croccante o le parti carbonizzate nel pane, nella carne e nei grassi contengono sostanze cancerogene e idrocarburi. *Gli zuccheri semplici si caramellizzano diventando dannosi. *I grassi e gli oli danno luogo all’acroleina, tossica per il fegato, ed altre sostanze dannose come il benzopirene. *Le vitamine termolabili come la vitamina C si distruggono già a 60°C.

Gli agrumi, preziosi ma aciduli

Gli agrumi, ricchi di vitamina C e P, offrono tante proprietà benefiche all’organismo, soprattutto per i bambini in fase di crescita. C’è un problema, però: il sapore acidulo di questi frutti, dovuto all’acido citrico, risulta sgradevole al palato dei piccoli. Ecco come renderlo più piacevole:

* Togli la pellicina bianca se offri la frutta in spicchi.

* Addolcisci la spremuta con sciroppo d’acero, malto o miele.

* Nella macedonia, insieme agli agrumi mescola tanta altra frutta dolce.