Siete delle irriducibili del mangiare bene e dell’alimentazione sana? Attenzione allora a non farvi trarre in inganno da alcuni tipi di cibi.

Non tutto quello che viene ritenuto sano lo è davvero e viceversa: spesso infatti le nostre abitudini a tavola sono condizionate da false credenze perpetrate nel tempo.

Non ci credete? Ecco allora 9 miti da sfatare che riguardano l’alimentazione sana.

  1. I prodotti bio sono più nutrienti. Se quando andate a far la spesa puntate esclusivamente sui prodotti bio perché ritenete facciano meglio, sappiate che in realtà l’unica differenza sta nel loro metodo di coltivazione improntato al rispetto per l’ambiente. I valori nutrizionali però sono gli stessi di quelli non biologici.
  2. I carboidrati fanno ingrassare. Evitate di mangiare pasta e pane per la paura di accumulare qualche chilo di troppo? Anche questa è una falsa credenza. Tutto dipende infatti dalle quantità e dagli abbinamenti: basta quindi ridurre le quantità e abituarsi a condire la pasta con sughi leggeri e delicati.
  3. Lo zucchero di canna fa meglio di quello bianco. Anche preferire lo zucchero di canna considerandolo più salutare è un mito che va decisamente sfatato. Entrambi gli zuccheri infatti sono lavorati, quello che cambia è solo il livello di raffinazione.
  4. Le uova aumentano il colesterolo. Spesso si tende a evitare le uova perché nei tuorli sappiamo essere contenuta un’alta percentuale di colesterolo. Tuttavia bisogna anche considerare che l’apporto di colesterolo non genera di per sé un aumento di quest’ultimo nel sangue, perché l’organismo è capace di regolare la sua assunzione. I problemi nascono quando c’è una predisposizione a gestire il colesterolo assunto con i cibi.
  5. La buccia della frutta contiene più vitamine. Temete che sbucciare la frutta significhi perdere la maggior parte delle sue proprietà nutrizionali? Non è poi così vero. Si tratta infatti di un dato decisamente sovrastimato: anche la polpa della frutta contiene fibre e vitamine in quantità soddisfacente.
  6. Il sale fa male. C’è chi lo ha persino eliminato totalmente dalla propria dieta credendolo responsabile di problemi come l’ipertensione: in realtà grandi quantità di sale possono far male solo in presenza di determinate problematiche e patologie preesistenti.
  7. L’ananas brucia i grassi. Se quando siete fuori a cena tendete a concedervi più di un peccato di gola pensando che poi tanto potrete concludere con una fetta di ananas capace di bruciare i grassi, è il caso di ricredervi. L’ananas è infatti un frutto che ha ottime proprietà ma non effetti miracolosi taglia-calorie.
  8. Il pane integrale fa meglio di quello bianco. Si ritiene spesso che il pane integrale sia più salutare perché molto più ricco di fibre e con un tasso glicemico più basso. In realtà, rispetto al pane bianco, queste differenze sono davvero minime.
  9. Mangiare molta frutta fa bene. Attenzione infine anche al consumo eccessivo di frutta. Sicuramente mangiando mele, pere, kiwi, ecc possiamo fare il pieno di vitamine, ma dobbiamo considerare anche che la frutta è una grande fonte di zuccheri, oltre al fatto che in grandi quantità può fermentare nell’intestino e causare fastidiosi gonfiori.