L’amicizia rappresenta uno degli affetti più importanti nella vita ma talvolta, col tempo, alcuni rapporti possono rivelarsi pericolosi. Si possono così individuare alcune tipologie di finte amiche. Ma non temete, per ciascuna di esse esiste un rimedio.

L’inaffidabile che annullando sempre all’ultimo riesce a rovinare così i vostri programmi. Provate a non rispondere a qualche sua email o SMS, forse imparerà ad essere più sensibile e puntuale.

L’appiccicosa che vuole essere coinvolta in ogni aspetto della vostra vita non lasciandovi alcuna privacy. Mettetele dei paletti, riccorrendo a innocenti bugie come impegni di lavoro o stanchezza.

La brontolona che è sempre imbronciata e si lamenta in continuazione, mostrando evidenti tendenze autodistruttive. Il rimedio migliore è tagliare corto ogni volta che sta per iniziare con la rassegna dei propri problemi.

La maligna che a causa della propria insicurezza ha bisogno di avere intorno amiche adoranti, che critica in continuazione, volendo mostrare di essere la migliore. In questo caso l’unica soluzione è liberarsi immediatamente di lei.

La fissata che vive sotto una campana di vetro, mangia solo certe cose, non fa tardi e spesso è anche ipocondriaca. Inutile sottolineare come sia difficile condividere qualcosa con lei, perciò prima di organizzare meglio mettere in chiaro le proprie esigenze in quanto a svago e nutrimento.

La scroccona che è sempre al verde e non restituisce mai le cose prestate. Occorre imparare a dire di no, magari ricorrendo a piccole scuse per non rischiare di offenderla.

La gelosa che tende a mascherare la propria gelosia con la benevolenza, mostrandosi sempre gentile e accomodante, ma all’occorrenza inizia a criticare, non essendo realmente capace di godere della felicità altrui. Il rimedio è non cercare la sua approvazione, ma anzi mostrarsi indifferente alle sue critiche.

Certo accorgersi della falsità di un’amica non è né facile né indolore tuttavia è importante per il proprio bene imparare a prendere le distanze prima di farsi logorare l’esistenza.