L’allenamento alla corsa è l’attività preparatoria fondamentale per tutti coloro che vogliono godere degli effetti positivi del running, principianti compresi. La corsa è uno degli sport ideali che apporta diversi benefici alla salute e al benessere generale dell’organismo: aiuta a smaltire i chili di troppo, aumenta la resistenza fisica e la massa muscolare, migliora la circolazione del sangue e la pressione arteriosa.

Per quanto divertente e rilassante, la corsa è un’attività sportiva impegnativa che richiede un programma di allenamento specifico in base al livello di esperienza e resistenza personale alla fatica. L’obiettivo dell’allenamento, non è quello di diventare dei runner professionisti, ma quello di abituare gradualmente il fisico a sostenere tempi e velocità sempre maggiori, evitando situazioni di traumi e infortuni.

Ecco alcuni consigli utili per l’allenamento alla corsa rivolti in modo particolare ai principianti.

Innanzitutto, è importante tenere presente tutta una serie di condizioni per le quali è meglio astenersi dal praticare la corsa. È preferibile non correre quando si è stanchi, quando non si è riposato bene e quando si è affetti da malattie, anche nel caso di un semplice raffreddore. Inoltre, è sconsigliato correre nelle giornate di caldo eccessivo per evitare il rischio di colpi di calore o disidratazioni o su strade sconnesse o sterrate, cosi da non recare danni alle caviglie.

Detto ciò, prima di iniziare l’allenamento alla corsa vero e proprio, è necessario munirsi di scarpe da running in vendita presso i negozi specializzati: esistono anche i modelli per i neofiti, basterà scegliere il più comodo e quello che calza meglio.

Molti principianti incorrono nell’errore di correre finché “si resiste”. Questo tipo di approccio è sbagliato oltre che controproducente: bisogna cominciare a correre gradualmente, un giorno si e uno no per consentire al fisico di recuperare la fatica del giorno precedente.

La posizione da assumere durante la corsa è quella eretta, leggermente inclinati in avanti per correre in modo rilassato e sciolto. È importante evitare passi lunghi, i piedi devono essere ben fissi al suolo, e regolare il movimento delle braccia a quello delle gambe.

Nel caso in cui si affronta la salita o la discesa, la postura cambia leggermente per permettere una corsa efficace e senza troppi sforzi. Nel primo caso è buona norma correre con la testa, il busto e le spalle lievemente inclinati in avanti, il passo è più corto e far leva sulle caviglie; in discesa il busto e le spalle sono sempre inclinate in avanti, ma è importante evitare di incurvare la schiena all’indietro o di correre facendo leva sui talloni per evitare problemi al ginocchio.

Chi inizia a praticare la corsa deve mettere in conto che può soffrire di piccoli dolori ai muscoli e alle articolazioni, dovuti a microtraumi assolutamente normali per i principianti perché il fisico non è ancora abituato ai ritmi sostenuti. Per essere sicuri di non incorrere in infortuni è importante seguire una regola fondamentale che i principianti sono più portati a trasgredire perché presi dal desiderio di allenarsi frequentemente: prima di correre è necessario che svaniscano i dolori dell’allenamento della corsa precedente. Quando si diventa runner esperti allora ci si può sottrarre più facilmente a questa norma ma fintanto che il fisico non si abitua è meglio agire con prudenza.