Allergie e intolleranze, due disturbi apparentemente uguali ma che tendono ad essere confusi, probabilmente a causa di alcuni sintomi che talvolta possono essere simili.

Queste colpiscono oggi una corposa quantità di persone, tanto che si sente spesso parlarne a tal punto da credere che si tratti di una cosa più che comune. Un adulto su 5, infatti, pensa di essere allergico o intollerante, ma la maggior parte di loro si sbaglia.

Secondo alcuni ricercatori britannici della Portsmouth University (UK), l’allergia alimentare sarebbe dovuta a un problema più mentale che fisico. Uno studio recente ha infatti dimostrato che, nonostante il 20% della popolazione denunci di soffrire di questi due disturbi, coloro che li hanno davvero sono meno del 2%.

Gli alimenti più colpiti dal pregiudizio sono uova, latte, nocciole e farina di grano, tanto che il 20% degli intervistati crede di esserne intollerante.

Secondo la ricercatrice Carina Venter sarebbero dunque timori ingiustificati e suggestioni personali quelle che porterebbero i soggetti a pensare di essere allergici o intolleranti sulla base di autodiagnosi o, a volte, di sintomi dovuti, in realtà, a malattie diverse.

Dato che ci sono moltissime persone che limitano, a questo punto inutilmente, la propria alimentazione quotidiana rinunciando a cibi sani e a sostanze nutritive importanti, bisognerebbe rivolgersi agli allergologi e rivedere di netto la propria dieta.