Sono sempre più coloro che soffrono di depressione, sia in forma lieve che acuta, ormai uno dei mali maggiori che colpisce adulti e più giovani senza distinzione, provocando seri disturbi all’umore.

Si parla infatti di una vera e propria malattia e non di una sindrome passeggera, che sfocia in una moltitudine di sintomi quali insonnia, scarso appetito e perdita (o aumento) di peso, noncuranza del proprio corpo, modificazione del desiderio e delle abitudini sessuali, apatia e molto altro, purtroppo.

Da uno studio che ha avuto sede nell’Università di Melbourne, in Australia, pubblicato sull’American Journal of Psychiatry e riportato da Ansa, emerge però una possibilità per scacciarla, ovvero quella di tener fede ad una dieta sana ed equilibrata. Frutta, verdure e pochi grassi, insomma, fanno sì che il rischio di soffrire di tali problemi sia molto minore.

Lo studio è stato condotto su un campione di 1.046 donne dell’età compresa tra i 20 e i 93 anni. I soggetti sono stati seguiti nel corso di 10 anni e sottoposti a vari questionari su diete e salute, correlati da analisi di laboratorio.

Ciò che è emerso è che le donne che soffrono di tali disturbi sono poi quelle che, nella loro alimentazione quotidiana, assumono più cibi grassi e/o altamente raffinati. Mantenere un’alimentazione cattiva ha effetti negativi, dunque, non solo sul corpo ma anche sulla mente, portando così a gravi scompensi per via di un’infiammazione dell’organismo.

Sarebbe l’ideale, secondo Felice Jacka, l’autrice della ricerca, seguire una dieta mediterranea, che a parer suo è molto sana, tenendo comunque in considerazione che zuccheri e grassi riducono la presenza di proteine fondamentali nel nostro cervello.

Se per tutti esistono dei periodi “neri”, in cui si va incontro ad uno stato non proprio ottimale, sarebbe dunque cosa buona seguire un regime alimentare corretto. E se prevenire la depressione è possibile con un buono stile di vita ed evitando solitudine e stress, per chi ne soffre già è bene, oltre a chiedere aiuto, ristabilire gradualmente sane abitudini che possono contribuire notevolmente alla guarigione.