L’alopecia femminile consiste nel diradamento o caduta massiccia e improvvisa dei capelli. È un problema per un numero elevatissimo di donne ma nella stragrande maggioranza dei casi è reversibile. Ecco tutte le cause che la generano e le relative cure.

L’alopecia dovuta a fattori genetici implica uno studio della persona e una analisi del quadro clinico molto accurata. Per una problematica che ha radici di questo genere il consulto con uno specialista è fondamentale, nonché l’unica cosa da fare.

L’alopecia psicogena, invece, è un problema transitorio che, con le dovute cure e i dovuti accorgimenti, riesce a essere eliminato completamente. Questo tipo di alopecia è causata dallo stress. In una situazione di questo genere si ha un aumento della pressione sanguigna che si ripercuote sul ciclo vitale del capello (spesso la caduta dei capelli o il diradamento eccessivo in una donna sono sintomi proprio di un malessere relativo alla pressione troppo alta). Eliminando i fattori che generano questo malessere si andrà a migliorare nettamente la situazione del proprio stato psichico e di conseguenza quella dei propri capelli.

Un’altra causa che può generare l’alopecia femminile è data dalle cattive abitudini. Sottoporre i capelli a stirature, chimiche o manuali, danneggiano e indeboliscono la chioma. Questo tipo di alopecia è chiamata alopecia da trazione. Avere maggiore cura dei propri capelli, in questo caso, è l’unica soluzione. Anche sbalzi ormonali, avitaminosi e cattive abitudini alimentari possono incrementare la possibilità di andare incontro ad alopecia. Svolgere una vita sana e avere un’alimentazione varia e ricca di vitamine aiutano a prevenire l’insorgenza di tale problema. Consultare il medico ai primi segnali di malessere e fare le dovute analisi rimane comunque una condizione imprescindibile.

L’uso di shampoo e prodotti per capelli adatti alla propria cute e con un ph adeguato aiutano a prevenire l’alopecia seborroica. Il sebo in eccesso, prodotto dalla cute, ostruisce il bulbo e non ne facilita una crescita sana. Una corretta ossigenazione della cute favorisce, invece,  la salute del capello ad ogni ciclo di ricrescita. Stesso discorso vale per quei soggetti che soffrono di forfora. Per non atrofizzare il bulbo pilifero bisogna fare in modo che la cute sia libera da ostruzioni e possa generare capelli senza impedimenti. I trattamenti tricologici locali, sono soluzioni validissime per contrastare il problema dell’alopecia, lozioni, schiume e creme risultano essere molto efficaci. Nei casi più gravi si possono combinare a sedute di laser, atte a penetrare all’interno del follicolo e stimolare il bulbo pilifero. Il consulto con uno specialista è, comunque,  in tutti questi casi il primo step da seguire.

Foto: Shutterstock