La donna delicata e femminile della stilista Giada Curti va in passerella ad AltaRoma 2017 con la collezione Primavera Estate 2017 chiamata Secret Garden.

La sfarzosa sala dell’Hotel St. Regis a Roma è stata trasformata in passerella ed è diventata il giardino segreto della Curti nel quale sfilano creazioni leggere, soavi ed eteree.

I fiori sono i grandi protagonisti: si ritrovano sulle stampe degli abiti, nei ricami, sugli accessori per capelli – che a volte sono delle vere e proprie ghirlande di fiori – e sulle scarpe. I volumi di abiti, gonne e soprabiti sono ampi e richiamano, alla mente e alla vista, la grazia delle figure femminili di Botticelli.

L’ispirazione della Curti arriva però da un altro artista: Lawrence Alma Tadema, pittore di epoca vittoriana di origine olandese e naturalizzato inglese, che ha fatto della sua passione decadente per l’antichità il tema principale delle sue opere composte principalmente da indolenti figure femminili sempre circondate da fiori.

Una collezione delicata e raffinata nella quale si mirano sapientemente materiali e tessuti: dai mikado di seta alle paillettes fino ai voile con stampa a fiori. Per quanto riguarda gli accessori: azzeccata la scelta di puntare su borse gioiello in piuma e delle scarpe disegnate da Valentina Gallo. I gioielli, in ferro e pietre preziose, sono invece di Alex Carelli.

Galleria di immagini: Giada Curti Primavera estate 2017, foto

Una collezione differente da quella dello stilista libanese Rani Zakhem, che ha sfilato nella stessa giornata, ma che certamente rappresenta una delle più belle viste finora ad AltaRoma 2017.