Quante volte ci è capitato di affermare di aver bisogno di una giornata di più di 24 ore per poter portare a termine ogni impegno preso. Un nuovo studio statistico della Camera di Commercio di Milano, dimostra che la donna è dotata della capacità di agire in “multitasking“, ovvero di svolgere più compiti in contemporanea. La giornata del gentil sesso quindi, se la donna non possedesse questa capacità, dovrebbe durare ben 27 ore.

È risaputo che il genere femminile, più che quello maschile, è in grado di svolgere più “lavori” in simultanea; molte sono le donne che quotidianamente utilizzano il computer mentre rispondono a telefono o si concedono una pausa pranzo continuando a svolgere qualche mansione lavorativa.

Il dedicarsi a più cose contemporaneamente permette al gentil sesso di “guadagnare” 3 ore in più al giorno. Gli uomini, meno dotati di questa caratteristica, riescono a fatica a ricavare 2 ore in più al giorno.

L’indagine effettuata su oltre 200 imprese ha rivelato una correlazione tra lo stacanovismo femminile e l’aumento della produttività dell’azienda. I vantaggi che derivano dalla efficienza più elevata nelle donne potrebbe permettere, in un’economia sempre più flessibile, di posizionare il “sesso debole” sul gradino più elevato in tutti i settori.