Amiche per l’Abruzzo” di pubblico interesse? Per tutti, tranne per la Rai. E la cantante Laura Pausini entra in polemica contro la Rai. Perché se gli altri canali hanno riservato al concerto benefico un buon trattamento, almeno mandando in onda lo spot pubblicitario del DVD e Mediaset, in particolare, ospitando alcune artiste a Matrix, lo stesso trattamento non è stato riservato da viale Mazzini.

La Rai, perciò, ha fatto infuriare la Pausini, che considerava a ragione “Amiche per l’Abruzzo”, uno spettacolo di beneficenza in favore delle vittime del terremoto abruzzese dello scorso anno, una sorta di pubblicità progresso, che aveva tutto il diritto di essere diffusa per mezzo della televisione pubblica.

Non solo, pare ci siano state molte difficoltà burocratiche per l’organizzazione della manifestazione pro Abruzzo e la Pausini non ha risparmiato la Rai da un’accesa critica:

Pubblicità Progresso ci da gratuitamente lo spazio. Ma la Rai non farà passare lo spot del DVD. Non mi aspettavo una risposta negativa dalla TV di Stato. […] Ringrazio La7, Mediaset e MTV, che hanno trasmesso il nostro spot, che la Rai ha deciso di non passare. Non voglio fare polemica, ma non mi aspettavo un no proprio dal servizio pubblico.

È un momento strano per Mamma Rai e forse su una questione del genere la polemica poteva essere risparmiata, perché, checché ne dica la Pausini, la polemica esiste, seppur nei toni garbati cui la cantante ci ha abituati, e consiste nell’avversare alcune decisioni Rai degli ultimi tempi. E chissà che la TV di Stato non torni sui suoi passi.