Amsterdam, la capitale dell’Olanda, è da sempre une delle città più affascinanti d’Europa – nonché tra le più romantiche complici il fascino dei suoi canali, l’alto tenore di vita dei suoi abitanti, l’attenzione per l’ambiente e l’ottima qualità dei servizi. Non a caso è stata scelta come nuova patria da molti nostri connazionali.

È famosa per i tulipani – per il quartiere a luci rosse e i coffee shop tra i più giovani – e per la quantità incredibile di biciclette (ne erano state censite più di 800mila nel 2014, su una popolazione di altrettanti abitanti); ospita inoltre alcuni dei musei più importanti al mondo da non perdere durante un viaggio o una vacanza: il Rijksmuseum (museo statale), il museo Van Gogh, il Concertgebouw, il Rembrandthuis e  la casa di Anna Frank, accanto a spazi più moderni, come lo Stedelijk Museum (un museo di arte moderna e contemporanea internazionale), l’Hermitage Amsterdam, il Centro Architettura di Amsterdam  o L’EYE Film Institute Netherlands (dedicato alla cinematografia).

La città non è esattamente economica, sia per mangiare che per dormire, ma propone un’offerta molto variegata, perfetta anche per gli amanti del design. Se a una vacanza in una meta oltreoceano come a New York preferite l’Europa, ecco una piccola guida per sapere dove dormire, dove mangiare e cosa vedere ad Amsterdam.

Amsterdam dove dormire

  • Dormire ad Amsterdam può non rivelarsi molto facile, se si vuole risparmiare, perché le tante proposte sono quasi tutte abbastanza costose. Una soluzione più cheap può essere quella di rivolgersi alle offerte di Bed&Breakfast, anche se l’amministrazione cittadina, come sta accadendo anche in altre città europee come Berlino o Parigi, ha iniziato a limitarle per impedire che soprattutto il centro si svuoti di abitanti.
  • Affittare una delle houseboat sui canali può essere un’esperienza indimenticabile e molto romantica. Un tempo erano battelli che servivano per il trasporto delle merci, oggi sono vere e proprie abitazioni complete di elettricità, acqua corrente, cucina, salotto, connessione wi-fi compresa.
  • Conservatorium: è tra gli hotel di lusso più eleganti di Amsterdam (il migliore secondo Condé Nast), dove è solita soggiornare Madonna quando passa in città. Posizionato nel Museumkwartier, tra il Museo Van Gogh, il Concertgebouw, il Rijksmuseum e il Vondelpark, è un capolavoro architettonico dove gli splendidi interni in Art Nouveau hanno trovato nuova vita grazie al designer Piero Lissoni. Se non ci si può permettere un soggiorno, è comunque consigliata una sosta al bar, per ammirarne la bellezza.
  • Sir Adam: occupa gli ultimi otto piani dell’A’dam Tower, la torre di Amsterdam nel quartiere Noord. È l’hotel più caro in città: le camere hanno alle pareti foto di famosi artisti pop e una chitarra Gibson. Nella categoria deluxe si gode di un panorama mozzafiato sul porto di Amsterdam. La A’dam Toren è diventata ormai una vera e propria meta turistica, grazia a locali di intrattenimento, bar e sale da pranzo extra lusso. In cima alla torre, c’è anche l’attrazione Over the Edge, le altalene più alte d’Europa.
  • American Hotel: in città è conosciuto come l’Hotel Americain e si trova a Leidseplein, una delle piazze più famose di Amsterdam, fulcro della vita notturna. C’è un ristorante e una caffetteria con una sala di lettura in Jugendstil. Costruito a fine Ottocento da W.Kromhout e W.G.Jansen in stile Berlage, è stato ampliato nel 1927su progetto dell’architetto G.J. Rutgers in collaborazione con K. Bakker. L’ampliamento e la caffetteria sono siti patrimonio nazionale.

Amsterdam dove e cosa mangiare

  • Aringhe: le Hollandse Nieuwe sono un prodotto tutelato come specialità tradizionale garantita, ma per essere tali devono essere le prime aringhe della stagione, pronte ad essere consumate, e devono avere caratteristiche ben precise. Vengono mangiate senza l’aggiunta di niente, tenute con due dita dalla coda o in un panino (broodje) con l’aggiunta di cipolle. Ogni anno si svolge in città l’haring party, che quest’anno è il 21 giugno.
  • Bitterballen: sono lo snack olandese per eccellenza. Sono crocchette sferiche fritte nell’olio con un ripieno morbido e gustoso che accompagnano l’aperitivo. Secondo la ricetta tradizionale il ripieno è a base di manzo, ma è possibile utilizzare anche pollo, vitello e persino funghi per coloro che preferiscono una versione vegetariana.
  • Stroopwafel: è un tipico biscotto olandese composto di due sottili cialde tra le quali si spalma un tipo di sciroppo al caramello detto stroop. Non è difficile trovarli nei supermercati, negli aeroporti, ma anche al mercato, nelle bancarelle dei dolci, già confezionati o preparati all’istante e gustati caldi.

Amsterdam cosa vedere e visitare

  • Grachtengordel: è il nome con cui è conosciuta la serie di canali intersecati e disposti in modo concentrico. Fiancheggiati da antiche abitazioni famose per le loro tipiche facciate, i canali hanno preservato intatta la propria bellezza fino ai giorni nostri. I palazzi superbi e magnificamente ornati sono allineati l’uno all’altro in maniera ordinata lungo il canale, hanno resistito eccezionalmente al trascorrere del tempo e sono stati recentemente dichiarati Patrimonio dell’Umanità protetti dall’Unesco.
  • Begijnhof: il “Cortile delle beghine” è un’oasi di pace contornata da 164 affascinanti abitazioni di sole donne che hanno dedicato il proprio tempo a servizi religiosi. Oggi è abitato per lo più da signore anziane con poche disponibilità economiche e da studenti, attratti dalle favorevoli condizioni dei canoni d’affitto. All’interno vi è la famosa casa Houten Huys, costruita nel 1528. Si tratta di una delle due sole case di legno ancora esistenti ad Amsterdam. In passato tutte le case di Amsterdam erano costruite in legno, ma l’uso del mattone come materiale da costruzione divenne obbligatorio a causa del rischio di incendi.
  • Keukenhof: è il parco da fiori più grande al mondo e si trova a Lisse, a 35 chilometri da Amsterdam. È il posto migliore per ammirare i tulipani ma è aperto solo 8 settimane l’anno, dall’inizio della primavera alla metà di maggio, nei mesi di fioritura. Il parco racchiude oltre 7 milioni di fiori da bulbo, oltre a 4 milioni e mezzo di tulipani in 100 varietà diverse. Nel parco ci sono 2500 alberi di 87 specie diverse, un lago, canali e vasche d’acqua con fontane, un mulino a vento e numerose sculture.