Amy Winehouse è di nuovo sulla bocca di tutti: dopo lo scandalo mediatico per le cause della sua morte, la star della musica inglese torna sulle prime pagine dei rotocalchi per la vendita del quadro Ladylike, realizzato con Pete Doherty, il leader dei The Libertines. Un particolare rende il quadro unico: sul dipinto c’è il sangue dei due artisti.

Per dipingere Ladylike, l’ex di Kate Moss e Amy Winehouse hanno infatti usato il loro sangue come colore sulla tela.

Galleria di immagini: Amy Winehouse

A un anno dalla morte della Winehouse, il dipinto è diventato un vero e proprio pezzo da collezione ed è stato battuto all’asta dalla Cob Gallery di Camden Town.

Come ha dichiarato lo stesso portavoce della galleria d’arte, l’opera è stata venduta a 35.000 sterline e una parte del ricavato andrà alla fondazione creata dai genitori della Winehouse dedicata alla lotta alla droga:

«Inizialmente non c’era l’intenzione di vendere nulla, poi l’insistenza dei fan che volevano acquistare le opere ci ha fatto cambiare idea.»

Ladylike è stato dipinto inizialmente di Amy Winehouse e completato poi da Pete Doherty. Non è la prima volta che Doherty ricorre al sangue per un’opera d’arte: l’asta della Cob Gallery, infatti, è interamente dedicata ai “capolavori splatter” di Doherty.

Fonte: TgCom