Pensando all’Andalusia, la più meridionale delle comunità autonome spagnole, vengono in mente il flamenco, i palazzi in stile arabeggiante e i nomi di alcuni dei maggiori pittori iberici. E non è un errore perché l’Andalusia è proprio questo e molto altro ancora.

In questa terra che per molto tempo è stata povera, non sono comunque mai mancate l’arte, la musica gitana, e la meravigliosa luce del Sud. I grandi eventi storici, le migrazioni, le invasioni e le lotte tra religioni, hanno fatto sì che in Andalusia si mescolassero le culture più diverse, da quella araba a quella ebraica dei sefarditi. Basta dire che oggi il 15% dei cittadini andalusi è di religione musulmana, una tra le percentuali più alte d’Europa.

Galleria di immagini: Andalusia

Ma oltre a essere un vero campo di prova della multiculturalità, l’Andalusia è un territorio di una bellezza sconvolgente, dove è possibile immergersi in un affascinante connubio di splendida architettura, ottima cucina, lunghe spiagge e piccoli paesini bianchi scossi dal vento. Le città più visitate della regione sono Málaga, Siviglia, Granada e Cordoba, ognuna delle quali offre al viaggiatore qualcosa di speciale.

A Málaga, che può vantare di essere la città di nascita di Pablo Picasso, è possibile visitare una delle meraviglie andaluse, l’Alcazaba. La fortezza, un tempo sede amministrativa del governo musulmano, è un affascinante esempio di architettura araba, in cui mura, torri, e piccole astuzie, avevano lo scopo di proteggere la cittadella interna dai nemici, all’epoca assai numerosi.

A Granada è possibile visitare un altro splendido complesso sopravvissuto al dominio cristiano: l’Alhambra. Considerato il punto supremo raggiunto dall’arte andalusa, il famosissimo complesso è uno dei luoghi più affascinanti del mondo, anche grazie alla sua collocazione sulle alture della Sierra Nevada.

Siviglia, bellissima con i suoi giardini curati, i viali alberati, e le stradine del quartiere medievale ebraico, offre anche mille occasioni per fare tardi, in perfetto stile andaluso. Il luogo privilegiato del divertimento è il Barrio de Santa Cruz, l’antico quartiere gitano in cui ora pullulano i localini alla moda.

Ma chi viene in questa zona della Spagna è anche alla ricerca di mare, sole, e vento. La Costa del Sol è purtroppo stata massivamente invasa da strutture turistiche, ma vi sono cittadine come Tarifa, all’estremo ovest della regione, in cui è ancora possibile godere di immense spiagge e piccole cittadine autentiche.

Da Tarifa i monti del Rif paiono quasi a portata di mano, ed è infatti possibile fare gite in giornata in Marocco, o magari allungare il proprio viaggio di qualche giorno prendendo uno dei traghetti di linea per Tangeri.

L’Andalusia è ancora una meta low cost, e rappresenta un vero paradiso per surfisti e amanti delle attività all’aperto. Una passeggiata a cavallo lunghe le sue immense spiagge, un aperitivo di mezzanotte in uno dei localini delle sue antiche città, daranno il vero senso di una regione in cui è facile vivere bene e in cui da sempre cultura e divertimento si mescolano senza contrasti.