Abbiamo parlato ieri della sicurezza dei giocattoli per la salute e la sicurezza dei bambini, affinché il regalo di Natale non si trasformi in uno strumento di rischio e di…dolore.

Oggi vogliamo entrare nel dettaglio dei piccoli accorgimenti da adottare nella scelta dei giocattoli, sempre e non solo in occasione del Natale. Anzitutto bisogna controllare che ci sia il marchio CE obbligatorio, una sorta di attestato di certificazione a conferma che il prodotto è in regola con le normative di sicurezza europee.

E dopo questo primo, attento, importante controllo, verificate anche che sul giocattolo ci sia il marchio del produttore e le informazioni che segnalino eventuali difetti del giocattolo. Se le istruzioni allegate sono in italiano, leggetele attentamente e se in altra lingua fatele tradurre da chi conosce bene le lingue.

Sull’etichetta dovrebbe esserci anche l’indicazione della fascia di età consigliata: è importante sapere, infatti, se il giocattolo scelto è adatto all’età dei vostri bambini, perché ogni età vuole il suo giocattolo. È noto, infatti, che la maturazione del bambino avviene per gradi, come per gradi bisogna adeguarvi i giochi.

Un’attenzione particolare meritano i particolari, ovvero quelle piccole parti che potrebbero staccarsi e che i bambini potrebbero ingoiare inavvertitamente: queste piccole parti sono molto pericolose soprattutto per i bambini di età inferiore ai 36 mesi.

Un’informazione utile: se proprio non siete di quei genitori che vogliono per i loro bambini i giocattoli trendy, sappiate che acquistando giocattoli di qualche anno addietro risparmiate anche fino alla metà di quello che spendereste per un giocattolo all’ultima moda. Con i tempi che corrono…

Dovete solo fare attenzione a che i vostri figli non si facciano plagiare dagli spot pubblicitari che non sono proprio salutari non solo sotto il profilo economico, ma proprio anche per la salute dei vostri bambini.

E a proposito di fasce d’età, ricordate che, secondo le norme di sicurezza internazionali, sono sconsigliabili i giocattoli elettrici con parti che scaldano non sono raccomandabili e vanno bene per i bambini dagli 8 anni in su, ma devono essere alimentati con un trasformatore a 24 V e mai direttamente alla corrente elettrica a 220 V.

I videogiochi: sogno dei bambini, disperazione dei genitori, anche se non è raro trovare papà e mamme impegnate nei videogiohi con i loro bambini. Comunque, controllate che ci sia il simbolo PEGI (Pan european game information), che indica la tipologia del gioco, il grado di violenza, il linguaggio adottato e la fascia d’età a cui è rivolto.

Semplici, ma utili consigli per aiutarvi ad acquistare un giocattolo veramente sicuro, ma anche divertente, altrimenti non c’è gusto ad avere un giocattolo che non diverte. È un discorso di routine, che facciamo ogni anno prima di Natale, ripetitivo ma necessario anche per le neomamme che hanno il primo approccio con la scelta dei giocattoli.